Recensione di Theme Park

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     iPhone
  • Genere:

     Manageriale
  • Sviluppatore:

     EA
  • Lingua:

     inglese
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     8 dicembre 2011
Grafica gradevole
Molte attrazioni
Gameplay piatto e noiso
Troppo costoso comprare Super-tickets
Sound track soporifera
A cura di (P.squalo) del
Gioco testato su iPad, gratuito. Compatibile con iPhone, iPod touch e iPad. Richiede iOS 3.0 o successive.

Chi da piccolo non è mai andato ad un Luna Park? E quanti non hanno mai pensato di diventare un giostraio e vivere in un regno fatto di magia e di illusione che ti protegge dal mondo esterno e ti fa volare alto, alto alto? Nostalgia a parte, deve essere stato questo il pensiero passato per la testa dell'ideatore di Theme Park che ha sviscerato il bambino dentro se stesso e, senza troppa riflessione, si è detto: "perchè no!" Il videogioco nasce negli anni '90 per Pc e console, e, grazie a EA Swiss Sarl ha fatto il grande debutto anche su dispositivi iOS, con il modello freemium.

E' dura la vita del giostraio
Theme Park è un gestionale classico in cui dovrete amministrare un parco di divertimenti, con la possibilità di caratterizzare le varie aree attraverso temi specifici (pirati, cowboy vs cavalieri, fantascienza, clownesco, del terrore ed altri) arrivando poi ad espandere il parco su un'area decisamente ampia. Il vostro compito sarà quindi quello di comprare ed evolvere giostre e chioschi vari, oltre che occuparvi dell'amministrazione assumendo manager per le varie aree di competenza e mantenere sempre lindo e pinto il parco. Sostituendovi al giostraio,inoltre, potrete occuparvi da vicino delle attrazioni che, con l'aiuto delle vostre amorevoli cure, divertiranno i visitatori: potremo infatti ad esempio attivare la ruota panoramica a piacimento o far saltare i monelli nel castello gonfiabile fino alla nausea. La varietà di chioschi e giostre è notevole, ed inoltre, la parte centrale di ogni area del parco sarà sovrastata da una enorme serie di montagne russe vero e proprio punto nevralgico dell'intera struttura.



Di tanto in tanto, ma forse troppo raramente, un buffo omino ci chiederà di portare a termine delle missioni extra che ci aiuteranno ad accumulare più velocemente punti esperienza, il problema fondamentale del gioco è che dopo il tutorial frenetico ed entusiasmante, gestire il parco comincia ad essere snervante e noioso, questo per diversi motivi, come ad esempio l'eccessivo costo delle attrazioni e il loro basso rendimento, o l'errata implementazione del sistema di pagamento freemium, eccessivamente sbilanciato verso le in-app purchase: il gioco è sì gratuito, ma per molte attrazioni (quelle più esclusive) bisogna pagare cash dal proprio account Apple Store, comprando i Super Tickets (esempio: sbloccare il roller coaster Skull-Train costa circa 50€). Il gameplay, di conseguenza, procede ad un ritmo lento (sembra quasi di lavorarci dal vivo!) ed interagire con le attrazioni del parco non vi rende meno noiosa l'attività, per non parlare poi delle animazioni che pur essendo gradevoli non vi inchioderanno allo schermo per più di venti secondi, lasciando come uniche alternative per incrementare il livello del parco quelle di giocare tantissimo o di acquistare invece tanti Super Tickets.

Ma che bello il mio Parco a Tema
Una nota positiva la possiede il comparto grafico che, pur essendo senza troppi fronzoli, è molto gradevole. Le animazioni sono buffe ed anche se, come detto, non riescono a rapire completamente il giocatore, danno in ogni caso gran corpo al gioco. Forse (ma questo per alcuni potrebbe essere un motivo in più per giocare a Theme Park) lo schermo risulterà fin troppo ordinato rispetto ad altri titoli in cui le strutture sono sovrapposte l'una all'altra in un tripudio di zone d'ombra e oggetti nascosti, ma qui tutto ha un suo percorso e ogni struttura va piazzata nell'apposita sede. Le giostre hanno un aspetto giocoso, anche quelle più paurose, ma i minigiochi che le caratterizzano sono scarsi e ripetitivi. Altra nota deludente è il fatto che evolvendo una struttura, questa non cambia aspetto: l'evoluzione, oltre ai termini di raccolta risorsa, sarà segnalata visivamente da una semplice stellina in più, ad indicarne il maggior livello di produttività.
Recensione Videogioco THEME PARK scritta da P.SQUALO Benchè la grafica sia un buon punto di partenza, con Theme Park l'entusiasmo si abbatte sulla piattezza del gameplay ed il suo ritmo troppo compassato, elaborato ad hoc per spingere sugli acquisti del modello freemium. Oltre a questo c'è inoltre da segnalare che se ci fossero stati, almeno, dei mini giochi interessanti con cui intrattenersi intanto che il fondo di fanta-dollari e super-tickets viene gonfiato dalle spese dei visitatori, il giudizio sul gioco sarebbe stato meno severo.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.