Recensione di Doodle Jump

Copertina Videogioco Doodle
  • Piattaforme:

     iPhone
  • Sviluppatore:

     Lima Sky
  • Data uscita:

     Disponibile
- Più assuefazione del caffè
- Costa meno del caffè
- Non contiene caffeina come il caffè
- Geniale
- Essenziale, a dir poco
- Uguale a se stesso nel tempo

Loading the player ...
A cura di (DottorKillex) del
Gioco testato con Iphone 3GS.

Dai tempi di Tetris, la genialità è stata spesso concentrata in 'giochini' semplici, con un concept di base quasi ridicolo, che, più di una volta ci ha fatto pensare “questo lo sapevo fare anch’io”.
In un mondo videoludico che rincorre sempre più affannosamente una grafica foto realistica, partite online con giocatori dall’altra parte del globo e sceneggiature sempre più arzigogolate, Doodle Jump si propone per quello che è, un gioco low budget, bruttino e praticamente senza sonoro, ma con quel qualcosa in più che vi “costringerà” a giocarlo.
Crediamo fermamente che, per il futuro dell’industria videoludica servano le grandi produzioni di cui sopra tanto quanto queste piccole gemme indipendenti.

Quaderno e matita
Fatta questa doverosa premessa, che permetterà di risparmiarsi il prosieguo di questa recensione a chi cerca spettacolarità e avanguardia tecnica, eccoci a parlare di un titolo proposto a settantanove centesimi da una piccola, sconosciuta software house di nome Lima Sky che, dopo averlo realizzato, ha ceduto i diritti di pubblicazione al gigante Apple, probabilmente perché non avrebbe potuto sostenere i costi nemmeno su App Store.
“Essenziale” è quindi la parola d’ordine: scordatevi presentazioni, sfruttamento del potente hardware del vostro nuovo 3GS, modalità di gioco aggiuntive o ammennicoli vari.
Tutto ciò che acquisterete, al momento del download, sarà lo sfondo di un quaderno a quadretti (come quello che usavamo alle elementari) sul quale un bambino (e scherziamo fino ad un certo punto) ha disegnato un improbabile alieno con quattro gambe e una specie di proboscide, il cui unico scopo è salire, sempre più in alto, alla faccia delle piattaforme mobili, fragili, e di qualche nemico dotato dello stesso, infantile, character design.
Eppure questo basterà a tenervi incollati allo schermo, credeteci.

Nel quadretto dipinto di bianco
Se dovessimo solo analizzare ciò che saremo chiamati a fare una volta lanciata l’applicazione, beh, potremmo fermarci qui.
Il sistema di controllo sarà affidato all’accelerometro di iPhone (estremamente sensibile e ben tarato in questa circostanza), che ci permetterà, inclinando il device nella direzione desiderata, di muovere il nostro piccolo alter ego sullo schermo, che non presenta altro che il suddetto sfondo a quadretti e le piattaforme su cui potremo appoggiarci nella nostra salita verso il paradiso. A dirla tutta, per non annoiare, dopo pochi minuti di salita, cominceranno ad arrivare vari diversivi, che renderanno l’azione più movimentata (e maledettamente più complicata già dopo tre – quattro minuti di gioco): se da una parte, infatti, avremo molle e cappellini con tanto di elica ad accompagnare e facilitare la nostra ascesa, dall’altro troveremo spesso delle fallaci piattaforme di colore marrone, che si romperanno al contatto con l’alieno e lo faranno precipitare nel vuoto: questo significherà “game over”. Come se non bastasse, si presenteranno, di tanto in tanto, buffi nemici sputacchianti, che tenteranno di farci cadere e che potranno essere eliminati ricambiandoli con la stessa moneta, cioè sputando nella loro direzione sfruttando il touch screen, al cui tocco partirà uno sputo.
Insomma, semplice come bere un bicchier d’acqua, tanto che questo gioco non ha un target ben definito: può essere giocato tanto dal manager in pausa pranzo quanto dallo studente universitario durante una lezione particolarmente noiosa, passando per una casalinga tecnologizzata.
Senza scomodare ulteriori paragoni altisonanti, un concept che ha nella sua facilità l'arma vincente. Fatta eccezione per la soddisfazione derivante dal vedere il proprio nome sui social network che supportano la leaderboard dei punteggi massimi, non esisterebbe nessun altro incentivo a giocare Doodle Jump, se non fosse così, dannatamente, assuefacente.

Zona salvezza
Parlare dell’aspetto grafico/sonoro recensendo un gioco del genere significherebbe non aver capito lo spirito con cui è stato partorito, e sminuirne l’altissimo livello di giocabilità.
Cercando di essere obiettivi, comunque, i valori tecnici sono ai minimi termini, come al tempo lo erano quelli di Tetris e, come crediamo, lo saranno sempre per questa categoria di giochi. Eppure, limitandoci al contesto (e al costo del download) anche la realizzazione tecnica riesce a strappare un sorriso, tenero e bambinesca com’è, nonostante la totale assenza di animazioni e la pochezza di elementi presenti su schermo.
La musica? Completamente assente: le partite saranno accompagnate solo dal rumore dei salti e degli sputi, che presto vi verranno a noia (anche perché sparati ad un volume niente male!).
Ma, ripetiamo, criticare Doodle Jump per la sua pochezza tecnica sarebbe come accusare una squadra di provincia, dal budget limitato, di non vincere il campionato: decisamente fuori luogo.
Lo scopo dei programmatori era dare all’utenza Apple qualcosa si semplice, veloce, appagante, e, soprattutto, divertente. Beh, ci sono riusciti.
Recensione Videogioco DOODLE JUMP scritta da DOTTORKILLEX Per quello che pagherete al momento del download, e per quelle che erano le aspettative (nulle, perché giochi di questo tipo passano spesso sotto silenzio), Doodle Jump meriterebbe un dieci, visto quante ore ci dedicherete e quanto spesso urterete un passante per strada e lo maledirete perché vi ha impedito di battere il vostro record.
Fresco, geniale, assuefacente, il platform perpetuo di Lima Sky sarà una delle applicazioni più longeve all’interno dell’hard disk del vostro iPhone e vi ripagherà con minuti, ore o giorni di sano divertimento a seconda dei vostri gusti personali e del tempo che potrete (o vorrete) dedicargli. Nonostante siano presenti giochi ben più performanti (e costosi), chi scrive continua a giocarci da settimane senza mai stancarsi.
Consigliato a tutti i possessori del melafonino, senza restrizioni di età, sesso, lavoro o tempo libero quotidiano.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.