Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Retrocompatibilità poco usata? Microsoft smentisce

Retrocompatibilità poco usata? Microsoft smentisce

Il contro-studio della casa di Redmond

Xbox One (console)

XONE

22 novembre 2013 - 4 settembre 2014 (JP) - 2 Agosto 2016 (Xbox One S) - 7 novembre 2017 (Xbox One X)

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 12/06/2017
Qualche giorno fa vi abbiamo parlato della spigolosa questione della retrocompatibilità: secondo Jim Ryan di Sony si tratta di una feature sopravvalutata perché poco utilizzata nella realtà dei fatti e perché "chi vorrebbe rigiocare giochi così vecchi?". Microsoft, come dimostrato anche ieri alla sua conferenza all'E3, continua invece a puntarci forte, al punto che con una nota inviata alla stampa ha voluto sbugiardare i numeri dello studio di qualche giorno fa, che parlavano proprio di uno scarso utilizzo della feature.


"Abbiamo preso in analisi lo studio di Ars Technica" fa sapere Microsoft, "ed abbiamo svolto anche noi la nostra analisi, servendoci degli stessi identici parametri. In base a ciò che abbiamo rilevato, l'analisi di Ars Technica e le sue conclusioni sono esageratamente inaccurate e fuorvianti a causa di un set di dati non completo e del trarre conclusioni sull'utilizzo globale basandosi sull'utilizzo aprossimativo.

Per esempio, sappiamo specificamente, in base alla nostra visione di tutti i dati di Xbox Live, che i giocatori sono molto coinvolti dalla retrocompatibilità. Questo è il motivo per cui continuiamo a supportarla. Apprezziamo il lavoro e lo sforzo di Ars Technica che vuole condividere informazioni sulla comunità dei giocatori Xbox e siamo sempre al lavoro per trovare nuovi modi di farlo noi stessi, proteggendo però anche gli interessi dei nostri utenti e dei nostri partner."


Anche Mike Nichols si è pronunciato sulla questione, facendo sapere che circa il 50% degli utenti Xbox One ha usato la retrocompatibilità, con 508 milioni di ore di gioco accumulate. Alle sue parole si sommano quelle di Phil Spencer, che fa sapere che "di solito, uno o due giochi della retrocompatibilità sono tra i nostri più giocati del giorno. L'utilizzo rimane alto: i giochi di qualità durano nel tempo e vale sempre la pena giocarli." Parole nette che vanno faccia a faccia contro quelle di Ryan di qualche giorno fa. Ecco il tweet:


Fonte: VG24/7.com
0 COMMENTI