Microsoft: Diablo III a 900p su Xbox One sarebbe stato inaccettabile

John Hight, game production director di Diablo III per conto di Blizzard, ha affermato nel corso di una intervista che Microsoft ha spinto la software house ad aumentare la risoluzione del gioco nella sua edizione Xbox One, inizialmente fissata a 900p. Secondo le parole del developer, la casa di Redmond riteneva infatti "inaccettabile" la soglia raggiunta da Blizzard, ed ha spinto fortemente per il raggiungimento dei 1080p.



"Avevamo i 1080p, ma stavamo avendo delle difficoltà nel mantenere il nostro frame-rame. Dal momento che Diablo ha molte caratteristiche action, volevamo avere una sensazione di risposta immediata, sopratutto a quattro giocatori" ha spiegato Hight.

"Quanto ci sono quattro stregoni in una stanza piena di demoni, è il peggior scenario che ci si possa presentare, perché ci sono effetti dappertutto. Volevamo assicurarci che fosse scorrevole e rispondente, e per questo motivo decidemmo di abbassare la risoluzione. Trovammo complicato raggiungere i 1080p, per questo scendemmo a 900. Era questo ciò che mostrammo alle demo al tempo dell'E3. E Microsoft ci disse una cosa come 'è inaccettabile. Dovete trovare un modo di avere una risoluzione migliore.' Quindi abbiamo lavorato direttamente con loro, ci hanno dato ciò che serviva per raggiungere i 1080p pieni."
Data di uscita: 25 marzo 2014 - 18 agosto 2014 (Ultimate Evil Edition)
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.