Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Remedy:brand <b>Alan Wake</b> non è concluso

Remedy:brand Alan Wake non è concluso

Remedy
A cura di Luca “Metalwing” Marletta del 10/02/2012
In un'intervista rilasciata al sito Joystiq, il boss di Remedy, Matias Myllyrinne, ha dichiarato che lo studio spera di continuare a lavorare su nuovi progetti del brand Alan Wake in futuro: Myllyrinne ha inoltre confermato che la software house è proprietaria del IP e che, di conseguenza, è in grado di dare ai suoi fan quello che vogliono.

"Siamo grati ai fan, daremo quello che il pubblico vuole, perchè di solito questa è una buona mossa commerciale" ha dichiarato Myllyrinne nell'intervista. Il boss di Remedy ha affermato che lo studio è fiducioso nel settore Digital Delivery e che questa "fiducia" potrebbe proseguire ulteriormente per fornire ai fan più esperienze "bite-sized" di Alan Wake: "Sto amando la distribuzione digitale e voglio vedere come si evolverà il settore, ma il solo essere in grado di dare agli utenti un accesso rapido a giochi 'bite-sized' è forse più divertente che lavorare per anni e anni e almeno, in questo modo, siamo in grado di reagire molto più rapidamente ai desideri della gente.".

Myllyrinne spera di dare ai fan una o due "sorprese", ma tutto questo dipenderà da come andranno le vendite di American Nightmare e della versione PC di Alan Wake: "Speriamo di fare una o due sorprese ai fan, non lo sappiamo ancora. Non so se il tempo lo richiederà. Se quest'affermazione farà il botto [ride], allora sarà certamente un segnale, ma siamo abbastanza fiduciosi che i nostri ultimi rilasci faranno bene. Continueremo certamente con il brand Alan Wake. In questo momento ci stiamo concentrando sul rilascio della versione PC prevista per la prossima settimana e poi ci focalizzeremo su quello di American Nightmare. E' troppo presto per parlare della nostra prossima mossa ma, ovviamente, abbiamo messo in moto le cose perchè ciò avvenga.".