Prima o poi la realtà virtuale ucciderà qualcuno, secondo Denny Unger

Si è tenuta oggi a Seattle una conferenza dedicata alla realtà virtuale, nel corso della quale diversi developer hanno avuto la possibilità di rispondere ai quesiti posti dai presenti. Uno di essi voleva sapere quali, secondo gli sviluppatori, possono essere i mali legati all'utilizzo dei visori per la realtà virtuale, e la risposta di Denny Unger, di Cloudhead Games, è stata quella più rilevante.



"Ho una visione molto forte di questo argomento" ha esordito, "la parte peggiore della realtà virtuale è, per me, rappresentata dai giochi horror che tentano di proposito di farti spaventare all'improvviso. Siamo davvero vicini al vedere accadere la prima morte nella realtà virtuale – ne sono davvero convinto.

"Quando uscirà la versione commercializzata [dei visori, ndr], qualcuno spaventerà a morte qualcun altro – persone con problemi al cuore o altre cose del genere. Succederà. Ne sono certo"
ha spiegato il developer. "Spero che tutti gli sviluppatori prendano sul serio questo problema. Se non hai avuto per le mani il dev kit, devi averlo per capire il peso di quella conseguenza. Potresti davvero uccidere qualcuno. Davvero. Dobbiamo tutti ricordarlo."

Visto che in questi giorni si fa un gran parlare di P.T. e della sua capacità di far saltare dalla sedia i giocatori, pensate che viverlo con Oculus Rift o Project Morpheus avrebbe potuto spaventarvi a morte?
Data di uscita: 28 Marzo 2016
Tags: | Oculus Rift
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...

 
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.