Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Idea Factory spiega la decisione di censurare le versioni occidentali di Monster Monpiece

Idea Factory spiega la decisione di censurare le versioni occidentali di Monster Monpiece

Monster Monpiece

PSVITA

Collezione

4 giugno 2014 PS Vita / 14 marzo 2017 PC

A cura di Davide “Alexander” Dorino del 23/01/2014
Idea Factory International è intervenuta sulla controversa decisione di censurare le versioni occidentali di Monster Monpiece, gioco di carte da combattimento esclusivo per Sony PS Vita atteso questa primavera in Europa tramite PSN. Le carte in-game sono chiamate Monster Girls e vengono impiegate negli scontri contro gli avversari, inoltre possono salire di livello attraverso alcuni mini-game (First Crush Rub ed Extreme Love) che prevedono l'utilizzo del touch screen della console per spogliare le ragazze.

Come si intuisce, il titolo presenta diversi contenuti a sfondo sessuale e per questo motivo la compagnia ha preso la difficile decisione di censurare in parte le versioni occidentali di Monster Monpiece in modo da rientrare negli standard degli organi di classificazione. In pratica, circa 40 carte sono state rese meno esplicite, a fronte delle oltre 300 rimaste intatte, così come abilità, meccaniche e trama sono rimaste invariate rispetto alla versione giapponese.

Infine, Idea Factory International ha spiegato le differenze di classificazione tra il Nord America e il vecchio continente. La ragione risiede nella diversità di valutazione che i due organi ESRB e PEGI adottano: mentre il primo ha deciso per il bollino "Mature", il secondo ha classificato Monster Monpiece con 12+ a causa dei contenuti poco violenti.