Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Horizon Zero Dawn: Nuovi dettagli sul mondo di gioco

Horizon Zero Dawn: Nuovi dettagli sul mondo di gioco

Un mondo nuovo

Horizon: Zero Dawn

PS4

Action-Adventure

Italiano (testi e doppiaggio)

1 marzo 2017

A cura di Pietro Guido “Raxias” Gualano del 11/11/2016
Lo sviluppatore Guerrilla Games ha recentemente parlato del nuovo Horizon: Zero Dawn svelando qualche dettaglio in più sul mondo di gioco:

"Qui, due società si contendono il controllo di un paesaggio che a prima vista sembra del tutto familiare. Montagne innevate, verdi vallate, boschi e panorami deserti promettono un parco giochi che rispecchia al meglio quel che il nostro mondo ha da offrire. Grattando la superficie però, è chiaro che non è più il “nostro” mondo in cui giocare. Antiche rovine sparse per la terra, inquietanti flashback da un futuro lontano fino allo sgretolamento della realtà del giocatore, in una società di creature meccanizzate che rafforzano la loro dominazione.
Le cime di un dirupo e le rocce sporgenti possono essere utilizzate per individuare la preda, mentre l’erba alta fornisce una copertura quando ci si muove per inseguire le macchine. Le trappole possono essere messe tra i passi di montagna più stretti, dove le macchine possono essere attirate; si tratta di una strategia che ha innumerevoli iterazioni in ogni mappa e che permette grande profondità di gioco quando la maggior parte delle trappole e degli strumenti sono rivelati.



Oltre al modo in cui un giocatore può interagire con il mondo di Horizon Zero Dawn, è il senso naturale dell’ecologia delle macchine a impressionare. Mandrie di Grazers che vagano, seguendo i propri istinti; spaventali e scapperanno via, terrorizzati – esattamente come ti aspetteresti di vedere in un documentario naturalistico. Il senso generale è di un mondo vivo e palpitante, evoluto in armonia con le macchine – con gli uomini che ormai rappresentano solo un lontano ricordo."