Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Ueda: The Last Guardian non è cambiato in tutti questi anni

Ueda: The Last Guardian non è cambiato in tutti questi anni

The Last Guardian
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 22/06/2016
Quando un videogioco ha tempi di sviluppo biblici, che lo vedono attraversare con nonchalance la generazione di PS3, arrivando a quella di PS4 quando già è stata confermata ufficialmente PS4 NEO, è lecito che ci si domandi in che modo, con tutti gli anni passati, il progetto si sia allontanato dalla sua idea iniziale. Non sarà però il caso di The Last Guardian che, assicura Fumito Ueda, è rimasto sempre fedele alla sua idea di base, con le uniche differenze che riguardano l'aspetto grafico, visto il progredire della tecnologia.



Lo sviluppatore ha rilasciato le sue dichiarazioni durante una lunga intervista con Kotaku, svelando anche che "ora un po' della pressione se ne è andata, ma devo ammettere che, mentre veniva annunciata la data d'uscita pubblicamente, noi puntavamo ad essa già da un bel po'. Sapevamo per cosa stavamo lavorando. In questo senso, la mentalità del team non è cambiata. Abbiamo solo continuato a lavorare sulla nostra tabella di marcia, almeno fino a quando non si presentavano problemi maggiori. Tutto ora ha un bell'aspetto. Il nostro team non è super eccitato dalla cosa, ma tutti noi siamo impazienti di tornare in Giappone, ricominciare la routine e far uscire il gioco."

Ueda aggiunge anche che "il gioco, nella sua interezza, è completo. Lo si può giocare totalmente, dall'inizio alla fine. Ora come ora, ci stiamo concentrando sull'affinare alcune parti e inserire dei miglioramenti, come le cutscene, o alcuni piccoli eventi."



Invece, in merito a quanto il gioco finale somiglierà al primo The Last Guardian che venne annunciato: "parlando solo della visione, non ci sono stati davvero dei cambiamenti. In pratica, dall'inizio alla fine, avevamo una visione e l'abbiamo creata. La sola differenza primaria è il livello di risoluzione, gli shader—questo tipo di cose. Pensavamo all'inizio che il gioco sarebbe uscito su PS3, ma su PS4 è meglio di quanto ci aspettassimo. Ma, se ci riferiamo alla visione, allora quella è rimasta coerente."

Per tutti gli ulteriori dettagli sulle dichiarazioni di Ueda, vi rimandiamo all'intervista completa, linkata in calce. Se, invece, volete conoscere meglio The Last Guardian, non perdete la nostra recente anteprima dedicata.