Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Shuhei Yoshida parla del prezzo di PlayStation VR e della strategia di Sony

Shuhei Yoshida parla del prezzo di PlayStation VR e della strategia di Sony

Yoshida parla del prezzo

PlayStation VR
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 23/03/2016
Shuhei Yoshida, presidente di Sony Worldwide Studios, ha discusso con Kinda Funny Games di PlayStation VR e della scelta di Sony di lanciare il suo visore per la realtà virtuale a $399 (399€ da noi) – un prezzo decisamente più contenuto di quanto fatto dai diretti concorrenti HTC Vive e Oculus Rift.



"Volevamo fare in modo che la realtà virtuale fosse qualcosa che le persone, le famiglie e gli amici, potessero godersi insieme, nella stessa stanza. Japan Studios ha proposto questa idea – chiedendosi se PS4 potesse fare rendering di due immagini diverse, una per chi indossa l'headset, ed una per la tv, per fare in modo che le persone giochino insieme. Lo chiamiamo Social Screen."

"Per riuscirci, abbiamo bisogno di allocare le risorse, quelle di calcolo, nell'unità di esterna (la processing unit, PU, ndr)" ha spiegato Yoshida, precisando anche che si è trattato di una scelta che "ha fatto crescere il prezzo del sistema, ma noi riteniamo sia davvero importante che la VR decolli, che abbia il benvenuto da parte della gente, non solo dei core gamer, ma dalle intere famiglie."

"Quella è stata la prima cosa che ci siamo imposti di raggiungere. A quel punto, ci siamo preoccupati del costo, e ci siamo fidati dei nostri abili ragazzi del team hardware" ha raccontato, sottolineando poi grazie alle risorse di Sony e alle esperienze del team, è stato possibile "avere componenti di alta tecnologia ad un prezzo ragionevole, quello che puntavamo e che avevamo in mente. Ma non volevamo andare in perdita vendendo l'hardware, perché siamo una compagnia commerciale. E, ancora più importante, se perdiamo dei soldi vendendo l'hardware, allora non abbiamo abbastanza denaro per supportare lo sviluppo dei software, o per fornire assistenza ai clienti, o per la promozione."

"Non dobbiamo guadagnare tanto dalle vendite dell'hardware, ma non vogliamo nemmeno metterci nella posizione di perdere soldi nel processo di vendita, perché la cosa limiterebbe le nostre altre attività. Quindi, sono veramente sollevato dal fatto che siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo, e si spera che questo possa accelerare l'adozione di questo nuovo ed eccitante medium."


Cosa pensate delle dichiarazioni di Yoshida? E come trovate il prezzo per PlayStation VR?