Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Uncharted 4: Laura Bailey risponde alle accuse di razzismo

Uncharted 4: Laura Bailey risponde alle accuse di razzismo

Uncharted 4: Fine di un ladro
A cura di Samuele “SamWolf” Zaboi del 09/02/2016
L'attrice e doppiatrice Laura Bailey ha voluto rispondere, con una lettera aperta, alle accuse di razzismo giunte a lei e a Naughty Dog per quanto riguarda il personaggio di Nadine Ross di Uncharted 4: Fine di un ladro. Il “problema” è nato dal momento che per doppiare e recitare il ruolo di Nadine, donna sudafricana, sia stata scelta Laura Bailey, non proveniente dal Sud Africa e di carnagione più chiara. In questa lettera, l'attrice ha spiegato che durante il provino non è stato mostrato il personaggio di Nadine e lei, come le altre colleghe alla caccia di quel ruolo, ha cercato di prepararsi al meglio, allenandosi anche con il proprio coach per quanto riguarda l'accento.

Laura Bailey ha visto i primi artwork solo dopo aver ottenuto la parte e ha ammesso come all'inizio sia stato difficile, data l'evidente diversità tra lei e Nadine. Come conclusione di questa lettera, l'attrice ha voluto sottolineare come il personaggio realizzato da Naughty Dog sia stato il più carismatico con la quale abbia lavorato e si è detta orgogliosa di aver partecipato alla realizzazione di Uncharted 4: Fine di un ladro.
Ricordiamo che l'esclusiva PlayStation 4 sarà disponibile dal 27 aprile.