Naughty Dog non ha voluto l'open world in Uncharted 4 per favorire la narrazione

Nel corso dell'EGX di Birmingham, Naughty Dog si è concessa ad una sessione Q&A per rispondere ad alcuni quesiti relativi al suo atteso Uncharted 4: Fine di un ladro. In particolare, il community strategist Arne Meyer ha spiegato che il team non ha voluto ricorrere ad un approccio open world perché voleva dare il giusto peso alla storia, evitando così che i giocatori si perdessero in continue side-op.



"Una delle cose sulle quali ci siamo sempre concentrati è la volontà di narrare una storia definita, con un suo ritmo. Quindi, se dai troppa scelta al giocatore, allora quest'ultimo se ne andrà in giro e completerà delle missioni opzionali, non si riuscirebbe più a tirarlo verso la storia, ed il ritmo ne risentirebbe" ha spiegato.

Ciò detto, Meyer ha anche anticipato che il team sta "giocando un po'" con ciò che si può fare, a livello di gameplay, con la narrazione lineare: "guardando la demo dell'E3, ad esempio, ci si trovava a discendere una collina su una jeep, e ci sono diversi percorsi da prendere. Vogliamo darvi qualche possibilità di scelta."

Vi ricordiamo che Uncharted 4 arriverà il prossimo 18 marzo, rigorosamente su PS4. Per tutti gli ulteriori dettagli, vi rimandiamo alla nostra anteprima dedicata.
Data di uscita: 10 maggio 2016
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.