Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Quasi ogni cittadino di inFamous: Second Son è basato su una controparte reale

Quasi ogni cittadino di inFamous: Second Son è basato su una controparte reale

inFamous: Second Son
A cura di Davide “Alexander” Dorino del 27/05/2013
Creare o riprodurre mondi virtuali credibili non è impresa facile. Ma quando la tecnologia e la buona volontà si incontrano i risultati possono essere interessanti, come nel caso di Sucker Puch, che per rappresentare i cittadini di Seattle nel suo inFamous: Second Son - titolo tra quelli disponibili al lancio di PS4 - è ricorso a una lunga fase di scanning 3D di persone reali.

Lo sviluppatore, infatti, ha scansionato in tre giorni l'aspetto e le forme del viso di circa 75 persone tra amici, familiari, attori professionisti e volontari, al fine di popolare le strade del mondo di gioco del suo prossimo atteso titolo. Ciò significa che quasi ogni cittadino su schermo ha un volto unico ed è basato su una sua controparte reale. I modelli sono ricoperti da circa 1.4 milioni di poligoni e le foto sono state raccolte in assets usabili tramite appositi tools.

Qui sotto trovate la galleria fotografica che vi mostra una sequenza di campionamento di un volto, e la sua riproduzione finale.