Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
<b>Hyperdimension Neptunia</b> in primavera

Hyperdimension Neptunia in primavera

Hyperdimension Neptunia
A cura di Tommaso “FireZdragon” Valentini del 29/10/2010
Namco Bandai Partners Italia e NIS America hanno annunciato oggi l’arrivo di Hyperdimension Neptunia, il nuovo RPG per PS3 che si appresta a raggiungere il mercato europeo e italiano la prossima primavera.

Hyperdimension Neptunia è un RPG molto particolare nel quale le console di gioco vengono rappresentate in forma di divinità e CPU (Console Patron Units) che è possibile personalizzare a livello estetico e migliorare dal punto di vista dello stato. I giocatori, nei panni di Neptunia, dovranno intraprendere una grande avventura volta a salvare, insieme agli amici CPU (Console Patron Units), Histoire, l’amico rapito. Nel corso di questa importante missione dovranno affrontare mostri corrotti che popolano il mondo di Gameindustri, dominato dal demoniaco Arfoire.

Hyperdimension Neptunia rappresenta, in un certo senso, una parodia della guerra tra console e permette di utilizzare colpi speciali ispirati direttamente ai grandi personaggi del mondo dei videogiochi. Hyperdimension Neptunia riproduce, in forma video ludica, l’eterna lotta tra bene e male che, questa volta, viene portata avanti da due schieramenti composti da console buone, da una parte, e da console cattive, dall’altra. Neptunia è, infatti, la forma umana di una console che deve combattere un diavolo nelle vesti di un hardware illegale. Sia i personaggi principali che quelli secondari sono, quindi, hardware o aziende del mondo video ludico che hanno assunto una forma umana.

Grazie all’accordo tra Namco Bandai Partners Italia e NIS America, la line up di titoli RPG del nuovo anno si arricchisce di un elemento in più caratterizzato da una grande originalità. Sarà divertente vedere chi avrà la meglio tra le console buone e quelle cattive. Non resta che aspettare la prossima primavera per sapere cosa succederà.