Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Morrowind salvò Bethesda dalla chiusura

Morrowind salvò Bethesda dalla chiusura

The Elder Scrolls III: Morrowind

PC

Gioco di ruolo

Inglese

Ubisoft

2 maggio 2002 PC - 22 novembre 2002

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 06/06/2014
Todd Howard, di Bethesda Game Studios, ha concesso un'intervista alla testata tedesca Gamestar, nel corso della quale ha ripercorso alcune fasi della storia della software house, soffermandosi in particolar modo sul periodo precedente la release di The Elder Scrolls III: Morrowind.

Howard ha spiegato che proprio quell'episodio della famosa serie ruolistica è quello che gli è rimasto più a cuore, dal momento che il suo successo ha aiutato Bethesda a venire fuori da un momento decisamente problematico: "la compagnia viveva un periodo davvero complicato. Eravamo davvero vicini alla chiusura, alla fine degli anni Novanta. Daggerfall era andato bene, quindi abbiamo cominciato a dividerci, a realizzare un sacco di titoli che però non erano abbastanza buoni, e che non erano il tipo di gioco che avremmo dovuto realizzare in quel momento."

"Facemmo Battlespire, io realizzai Redguard – gioco che amo, ma che non andò molto bene per la compagnia – e lavorammo anche su Tenth Planet, ed anche su altri progetti di cui nessuno ha mai sentito parlare. Era un periodo così, da Daggerfall nel 1996 a forse più o meno il 2000, e fu davvero dura. Quello fu il momento in cui Bethesda divenne parte di Zenimax, e fu quello a darci una svolta, davvero. A quel punto, lavorammo su Morrowind."

"A quell'epoca, eravamo in sei, lo studio era diventato molto piccolo, ed io ero il direttore di Morrowind. In quel momento, arrivati a quel punto, non avevamo paura di niente. Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere? Potremmo fallire. Beh, allora rischiamo tutto. Questo è il nostro gioco, mettiamo tutte le nostre fiches sul tavolo. Questo è il gioco che le persone vogliono da noi, e quello che noi vogliamo realizzare. Sapete, altre volte quando realizzi un gioco hai un po' di paura della reazione della gente, ma noi avevamo semplicemente questa mentalità da 'va bene, lo faremo fino in fondo'"
ha proseguito a raccontare Howard. "E quella fu la nuova genesi di Bethesda. Puoi risalire fino ad allora anche nei giochi che realizziamo oggi, puoi trovarci dentro ancora piccoli scorci di codice che facevano parte di Morrowind. Per questo quello è un gioco speciale dal nostro punto di vista."