Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Carmack, Sweeney e Andersson si esprimono su Mantle, le nuove API di AMD

Carmack, Sweeney e Andersson si esprimono su Mantle, le nuove API di AMD

AMD Radeon
A cura di Davide “Alexander” Dorino del 18/10/2013
Durante il The Way it's Meant to be Played press tour 2013 di Nvidia, tenutosi a Montreal negli ultimi due giorni, i tre ospiti d'eccezione dell'evento, John Carmack (ex id software), Tim Sweeney (Epic Games) e Johan Andersson (DICE), incalzati dal pubblico, hanno avuto modo di dire la loro opinione su Mantle, le prossime API di basso livello sviluppate da AMD.

John Carmack ha detto che in generale è una buona idea quella di offrire alla piattaforma PC un accesso alla GPU di così basso livello come già avviene per le console, ma che al momento attuale per lo sviluppo di un gioco non opterebbe ancora per questa tecnologia.

Tim Sweeney, invece, si è dimostrato il più critico, asserendo che Mantle, nonostante si basi su di un intuizione che gli piace, non è una soluzione ideale per i consumatori almeno quanto lo è per gli sviluppatori. Il fondatore di Epic Games ha concluso l'intervento dicendo che sarebbe una cosa negativa per il gaming PC se ogni produttore di VGA avesse delle proprie API.

Infine, Andersson, che ha difeso questa tecnologia nelle vesti di dipendente DICE, studio che supporterà Mantle in Battlefield 4 e che ha collaborato con AMD al suo sviluppo. Secondo la sua visione apporterà diverse benefici per i giocatori e alle performance dei giochi che la implementeranno.