World of Warcraft nel curriculum?

Stando al ricercatore John Seely Brown i giocatori di ruolo online sarebbero ottimi candidati lavorativi. Egli afferma che la cultura degli MMORPG stimola passione e curiosità, caratteristiche richiestissime ai candidati. La natura collaborativa di World of Warcraft stimola il giocatore a raggiungere il suo obiettivo semplicemente per passione, senza aspirare ad un bonus o ad un riconoscimento esterno. Soddisfazione personale potremmo chiamarla, soddisfazione di sé. Un altro motivo che contribuirebbe a fare degli abitanti del "mondo di Warcraft" dei migliori candidati, risiede, per Brown, in un insegnamento fondamentale del famoso MMORPG: l'obiettivo è divertirsi e "se non imparo, non mi diverto"; come giocatore si è quindi stimolati ad imparare, ad apprendere per raggiungere il proprio obiettivo.
Vedremo se i tanti giocatori di World of Warcraft in cerca di lavoro inizieranno ad inserire la loro partecipazione ad esso nella scheda "esperienze personali" del loro curriculum vitae.
Data di uscita: 23 novembre 2004
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.