Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Nuovo personaggio per Sacred Citadel

Nuovo personaggio per Sacred Citadel

Sacred Citadel
A cura di Niccolò “Nitro” Forlini del 05/12/2012
Deep Silver ha svelato in data odierna il secondo personaggio in arrivo nel nuovo Sacred Citadel. Di seguito potete trovarne la descrizione e, a fondo news, alcuni scatti.

Tre guerrieri si trovano dinanzi al malefico Ashen Empire. Una di loro è l'affascinante ma letale sciamana Khukuri.

I guerrieri Grimmoc hanno messo in ginocchio i compagni, il guerriero Safiri è sopraffatto dall'enorme numero di nemici e la sua salute sta rapidamente peggiorando. La sciamana Khukuri lancia immediatamente un incantesimo per ripristinare l'energia dell'amico. Per contrastare l'opprimente orda di Grimmoc si lancia in battaglia e scaglia dardi energetici con la sua bacchetta magica.

Deep Silver ha svelato nuovi dettagli sulla seconda delle quattro classi di personaggi del nuovo gioco d'azione a scorrimento laterale Sacred Citadel. A differenza del guerriero Safiri, la sciamana Khukuri non combatte in prima linea, ma sfrutta altri mezzi per influenzare gli avversari. Essendo una sciamana, può creare incantesimi su se stessa, sull'intero gruppo e anche sui nemici! Può guarire i compagni, rafforzare le abilità d'attacco del gruppo e lanciare maledizioni sui nemici per sconfiggerli. La sciamana rappresenta la classe dei guaritori di Sacred Citadel e aggiunge un importante elemento tattico dal punto di vista della cooperazione nel gioco.

Originaria delle montagne Aeshema, la razza dei Khukuri ha vissuto isolata per molti secoli in una valle ghiacciata e ventosa, nel nord-ovest dell'Ancaria, ma ora gli dei hanno smesso di comunicare con i Khukuri e si vocifera di qualcosa che dalle pianure rischia di mettere in pericolo anche la loro terra natale. È giunto il momento di muoversi verso le terre straniere per scoprire cosa avesse causato il silenzio degli dei.