Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
<b>Valve</b> vuole Linux, no a Win8

Valve vuole Linux, no a Win8

Valve
A cura di Domenico “Naares” Scarpello del 26/07/2012
Il capoccia di Valve Gabe Newell ha sottolineato il proprio interesse verso il sistema operativo Linux. Se ne era parlato circa un mese fa, quando Newell indicò la volontà di Valve di rendere compatibile per Linux parte del software Steam. Secondo il suo parere, uno dei motivi della scarsa diffusione di Linux è proprio il basso supporto da parte dei videogames, cosa che dovrebbe essere risolta il prima possibile.
"La gente non capisce quanto siano fondamentali i videogames nel decretare il successo commerciale di un prodotto di questo tipo. Vogliamo fare in modo che i 2,500 giochi disponibili su Steam possano girare anche su Linux. Windows 8 è una catastrofe per chiunque faccia parte del mondo PC. Penso che alcuni dei migliori sviluppatori si sentiranno addirittura spinti fuori dal mercato. I margini di guadagno si abbasseranno per molti e, se questo accadrà, in quanto distributore vorremmo avere delle alternative pronte per affrontare la situazione.
Pensiamo che il controllo tramite touch non durerà a lungo. Il mouse e la tastiera sono durati 25 anni, ma penso che il touch durerà circa per una decina d'anni. La tecnologia di input successiva al touch durerà probabilmente per un lasso di tempo superiore ai 25 anni.
"
A detta di Newell la tecnologia post-touch consisterà in un'interazione con la macchina tramite polsiere computerizzate.