Corea del Sud, restrizioni nel gioco online

Una nuova legge, conosciuta anche come "Cinderella Law", obbliga i minori di 16 anni a esimersi dal giocare online da mezzanotte alle 6 del mattino. E' quanto accade in Corea del Sud dove la dipendenza da videogioco è un fenomeno molto diffuso (in Corea il videogioco è quasi uno sport nazionale) e questa è una della prime misure che il governo ha intrapreso per combatterla. Non sono mancate le polemiche: la Korea Association of Game Industry, che include importanti software house come NCSoft (City of Heroes, Aion e Guild Wars) e Nexon (Vindictus, Combat Arms, MapleStory), lamenta infatti che si tratti di un provvedimento troppo restrittivo che lede i diritti dei più giovani. D'altro canto gli stessi videogiocatori hanno trovato già rimedi alternativi al "Cinderella Law", come connettersi a server occidentali, dove questa restrizione non esiste.
Tags: | NCsoft
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.