Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Platinum si è ispirata anche all'Italia per sviluppare Bayonetta 2

Platinum si è ispirata anche all'Italia per sviluppare Bayonetta 2

Bayonetta 2
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 21/07/2014
Nel corso di Bayonetta 2 ci imbatteremo in una città chiamata Noatun, caratterizzata dall'invadente presenza di acqua. Per ispirarsi nella sua realizzazione, i ragazzi di Platinum Games hanno visitato l'Europa e, nello specifico, nientemeno che il Belgio e l'Italia.



La rivelazione viene dall'artista per le ambientazioni Hiroki Onishi, che ha raccontato della visita al Palazzo Reale di Bruge, definito "perfetto per aiutarci a realizzare alcune delle strutture più grandiose del gioco. Molti luoghi che abbiamo visitato non consentivano di scattare foto, quindi eravamo felicissimi del fatto che nel Palazzo Reale si potessero fare, a patto di tenere disattivato il flash."

Viene poi il turno del nostro Belpaese, con Firenze che ha dato grande ispirazione al team giapponese: le sue vie cittadine che sono state infatti riutilizzate come texture all'interno del gioco.
Inevitabile, poi, la sosta a Venezia, "una città dove non ci sono strade dove le auto possano correre, è tutto in mano alle barche. [...] Abbiamo dovuto noi stessi portare il nostro equipaggiamento in hotel su delle barche, e trascinare tutto in vie lastricate di pietre. È stata davvero una nuova esperienza per noi, ci ha dato una specie di scossa culturale."

In calce, trovate una galleria di immagini che mostra a sinistra le aree reali (nell'ordine, del Belgio, di Firenze e di Venezia), e alla loro destra la controparte in Bayonetta 2.