Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Senior Engineer di EA critica aspramente Wii U

Senior Engineer di EA critica aspramente Wii U

Wii U (console)
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 18/05/2013
Continuano a far discutere le discordanti opinioni delle terze parti su Nintendo Wii U: dopo aver comunicato di non avere progetti in cantiere per la console, e di aver anche sospeso le uscite annuali di FIFA e Madden sulla stessa Wii U, EA potrebbe ora trovarsi in una situazione d'imbarazzo con il colosso nipponico dei videogame, a causa dei commenti fatti su twitter dal senior engineer Bob Summerwill.

Il dipendente di Electronic Arts - che precedentemente era stato anche in Psygnosis - non è andato tanto per il sottile, attaccando duramente Wii U e Nintendo: "Wii U è uno schifo. È meno potente di una Xbox 360. Ha uno store online scarso, uno strano tablet. A questo punto, quelli di Nintendo sono morti che camminano" è stato il primo tweet, al quale però ne sono seguiti degli altri.

"Nintendo continua ad agire come se fossimo ancora nel 1990, avrebbero dovuto offrire Mario/Zelda a PS4 e Durango come esclusive. Invece, hanno creato questa console orribile." E rincara ancora la dose, parlando a nome di EA: "è totalmente una nostra decisione intenzionale concentrare le nostre risorse su mercati che importano per davvero, come quello mobile e la prossima generazione. Inoltre, le piattaforme Nintendo hanno sempre portato pochi guadagni ai third-party. Gli unici a fare soldi sono Mario e Zelda" ha chiuso in bellezza Summerwill.

Poco dopo, il dipendente di EA ha deciso di rimuovere tutti i tweet sull'argomento dal suo profilo, non riuscendo però ad evitare che questi facessero comunque il giro del mondo. Siamo in attesa di un commento ufficiale sulla vicenda da parte di Electronic Arts.

Aggiornamento: vi proponiamo qui sotto gli screen dei tweet, catturati prima che Summerwill li cancellasse.