Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Taglio di prezzo di Wii U non basta ad attirare utenti, secondo retailer inglesi

Taglio di prezzo di Wii U non basta ad attirare utenti, secondo retailer inglesi

Wii U (console)
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 26/03/2013
Qualche mese fa, vi parlammo della richiesta di diversi negozi britannici a Nintendo di ridurre il più possibile il costo di Wii U, così da riuscire ad attirare una clientela il più corposa possibile, dal momento che molte catene stavano riscontrando difficoltà nel vendere la nuova console.

In questo clima, ShopTo ha deciso di per sé di offrire Nintendo Wii U ad un prezzo ridotto, ma la scelta non sembra aver pagato: il direttore della catena, James Rowson, ha spiegato che "abbiamo preso la decisione di abbassare il prezzo del modello base di Wii U per verificare come sarebbe andato il mercato e per stimare cosa succederebbe se il prezzo cambiasse solo per un breve periodo di tempo."
Il risultato, però, non è stato esattamente quello sperato: "fino ad ora, la nostra scelta ha comportato un incremento di vendite inferiore a quanto sperassimo" ha infatti rivelato Rowson.

Altri venditori, i cui nomi non sono stati direttamente citati dalla fonte britannica, continuano a ritenere comunque necessario un deciso taglio di prezzo per Wii U, ed hanno lamentato anche una mancanza di comunicazione con Nintendo. Addirittura, uno di loro ha azzardato che "Nintendo dovrà fare qualcosa, o ci troveremo davanti ad un nuovo GameCube."