Pikachu cambia nome e i fan dei Pokémon di Hong Kong organizzano una protesta

I fan dei Pokémon di Hong Kong non hanno gradito una novità in arrivo con il nuovo Pokémon Sole e Luna, che avrà qualche novità nel suo adattamento. Il titolo arriverà tradotto in cinese tradizionale e in cinese semplificato in Cina, Hong Kong e Taiwan. Ma, mentre nei vecchi episodi c'erano state delle traduzioni adattate anche alle differenti regioni cinesi, questa volta non sarà così. Per questo motivo, Pikachu si ritroverà suo malgrado a cambiare nome a Hong Kong, passando dal precedente 比卡超 (Bei-kaa-chyu) all'attuale 皮卡丘 (Pikaqiu).



Vi riportiamo anche la spiegazione: "Pikachu veniva originariamente tradotto a Hong Kong come 比卡超 (Bei-kaa-chyu). Mentre il nome 皮卡丘 in Mandarino suona simile al mondiale "Pikachu", in cantonese si legge Pei-kaa-jau, che non suona minimamente simile."

I fan di Hong Kong ritengono quindi che il Cantonese stia in qualche modo venendo minacciato, ed hanno deciso di manifestare in Rete, prendendo d'assedio la pagina Facebook di Nintendo. In aggiunta, un piccolo gruppo si è anche radunato davanti al Consolato Giapponese di Hong Kong, cantando l'inno cantonese e chiedendo che il nome torni quello a cui erano precedentemente abituati.
Per l'iniziativa, è stata lanciata anche una petizione ed è stata aperta una pagina Facebook apposita.
Data di uscita: 23 novembre 2016
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 16
  • Minollo64
    Minollo64
    Livello: 3
    Post: 866
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Tahva

    La notizia è passata in home con il titolo "Pikachu cambia nome a Hong Kong, corteo in difesa della lingua locale"... non penso si potesse sintetizzare più di così, nei caratteri massimi disponibili, che si tratta di un problema sociale e linguistico, a cui si fa cenno nell'articolo quando parlo del fatto che i fan hanno ritenuto questa traduzione non un problema per il gioco o quant'altro, ma una minaccia per la loro lingua.
    Non sono per nulla d'accordo. Dietro la foglia di fico linguistica c'è una "guerra" politica e culturale, in cui Hong Kong, "felice" colonia britannica e "meno felice" Regione Amministrativa Speciale della Repubblica Popolare Cinese resiste ad oltranza alla cinesizzazione imposta da Pechino. Figuratevi se dei fanatici dei pokemon si mettono a fare manifestazioni per problemi linguistici così irrilevanti!
  • Tahva
    Tahva
    Redattore
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Minollo64

    In mezzo a tanti commenti sei l'unico che ha capito il problema. Manco il redattore l'ha capito.
    La notizia è passata in home con il titolo "Pikachu cambia nome a Hong Kong, corteo in difesa della lingua locale"... non penso si potesse sintetizzare più di così, nei caratteri massimi disponibili, che si tratta di un problema sociale e linguistico, a cui si fa cenno nell'articolo quando parlo del fatto che i fan hanno ritenuto questa traduzione non un problema per il gioco o quant'altro, ma una minaccia per la loro lingua.
  • XCOM
    XCOM
    Livello: 6
    Post: 2559
    Mi piace 2 Non mi piace -3
    mmm questo è l'ennesimo esempio dove si capisce che i cambiamenti sono rivolti al meglio per un azienda non per i videogiocatori,vero che guardando dal di fuori del contesto sociale la scelta di cambiare il nome risulta ottima per far risultare al meglio il nome tradotto di pikachu,qui però bisogna guardare questo aspetto da un altro punto di vista quello dei videogiocatori,per anni hanno amato QUEL nome anche se non tanto simile all'originale ed ora viene cambiato senza prendere in considerazione quello che dovrebbe essere la cosa più importante,il videogiocatore,certo potrebbe sembrare una sciocchezza ma si inizia a non ascoltare più la gente proprio da queste cose,siamo in un secolo dove non ci sono scuse,abbiamo social netwok e servizi instantanei per vedere i pareri della gente e scambiarsi informazioni e pareri insomma non abbiamo scuse e posso liberamente ribadire che le aziende non si prendono cura dei loro vecchi ma pur sempre fan videogiocatori.
  • BrbDennis94
    BrbDennis94
    Livello: 6
    Post: 4110
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Light8

    Giudice onomastico is the way
    Ahahahah grande
  • Minollo64
    Minollo64
    Livello: 3
    Post: 866
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da MrSkellington

    Ma la questione è più complessa, nn si tratta del nome di pikachu ma di questioni linguistiche, e quindi politiche, particolarmente delicate a Hong Kong. Pensate al catalano in Spagna, o al gaelico in Scozia, che veicolano identità particolarmente sentite e vengono usate per contrapporsi a governi percepiti come intrusivi. Nn dico che abbiano ragione o meno, ma nn stanno manifestando solo per un videogioco
    In mezzo a tanti commenti sei l'unico che ha capito il problema. Manco il redattore l'ha capito. A Hong Kong c'è una vera e propria "guerra culturale" contro la cinesizzazione che Pechino sta cercando di imporre e a cui il "cittadini" dell'ex colonia britannica stanno cercando in ogni modo di ribellarsi.
  • Sorre
    Sorre
    Livello: 6
    Post: 618
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Light8

    Giudice onomastico is the way
    Genio
  • Calcifer90
    Calcifer90
    Livello: 2
    Post: 14
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da MrSkellington

    Ma la questione è più complessa, nn si tratta del nome di pikachu ma di questioni linguistiche, e quindi politiche, particolarmente delicate a Hong Kong. Pensate al catalano in Spagna, o al gaelico in Scozia, che veicolano identità particolarmente sentite e vengono usate per contrapporsi a governi percepiti come intrusivi. Nn dico che abbiano ragione o meno, ma nn stanno manifestando solo per un videogioco
    pagherei oro per imparare il Gaelico! mi ricordo quando son andato in scozia quanto era bello leggere i cartelli in inglese moderno e sotto la dicitura in gaelico...roba da signore degli anelli
  • Cippy
    Cippy
    Livello: 8
    Post: 1132
    Mi piace 6 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Pully X

    manifestano più per pikachu che per la pace nel mondo XD
    o per i loro diritti sul lavoro .-.
  • MrSkellington
    MrSkellington
    Livello: 6
    Post: 5998
    Mi piace 14 Non mi piace -3
    Ma la questione è più complessa, nn si tratta del nome di pikachu ma di questioni linguistiche, e quindi politiche, particolarmente delicate a Hong Kong. Pensate al catalano in Spagna, o al gaelico in Scozia, che veicolano identità particolarmente sentite e vengono usate per contrapporsi a governi percepiti come intrusivi. Nn dico che abbiano ragione o meno, ma nn stanno manifestando solo per un videogioco
  • NonnoLimone
    NonnoLimone
    Livello: 1
    Post: 68
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Ma una normale petizione su internet?
  • smart28pd
    smart28pd
    Livello: 5
    Post: 211
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    bhauhauahuahu
  • T87
    T87
    Livello: 4
    Post: 3943
    Mi piace 4 Non mi piace -4
    roda da strapparsi i capelli...
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 15 Non mi piace -3
    Giudice onomastico is the way
  • Pully X
    Pully X
    Livello: 5
    Post: 4401
    Mi piace 9 Non mi piace -1
    manifestano più per pikachu che per la pace nel mondo XD
  • framac02
    framac02
    Livello: 3
    Post: 56
    Mi piace 5 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da framac02

    va bene tutto ma non toccatemi pikachu
    detto questo, manifestare in piazza con dei cartelli mi sembra un po esagerato
caricamento in corso...
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.