Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Tecmo risponde alle accuse di Itagaki

Tecmo risponde alle accuse di Itagaki

generiche
A cura di Davide “Spetz” Spotti del 18/06/2008
Tecmo non ha perso tempo dopo le burrascose dimissioni di Tomonobu Itagaki dal Team Ninja. La società nipponica ha risposto pesantemente alle accuse mosse dall'eccentrico sviluppatore, famoso per i franchise Ninja Gaiden e Dead or Alive, imponendogli un "gag order", ossia un divieto ufficiale a discutere pubblicamente riguardo ai motivi che lo avrebbero costretto ad andarsene, e impedendogli di effettuare qualunque dichiarazione in merito ai titoli, al loro sviluppo e a qualsiasi altro dettaglio riservato che riguardi l'azienda.
Proprio in seguito al suo abbandono, lo stesso Itagaki ha spiegato in un comunicato le motivazioni alla base del suo addio, tra cui in particolare il mancato pagamento di premi, promessi da Tecmo a seguito del completamento di Dead or Alive 4, che lo hanno portato ad intraprendere una causa legale e a chiedere un risarcimento pari a 148 milioni di yen.