Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Harrison e Molyneux sui controller

Harrison e Molyneux sui controller

generiche
A cura di Simone “Garese” Gelli del 01/01/2007
Phil Harrison, e Peter Molyneux,hanno espresso i rispettivi pareri riguardo alla complessità dei controller delle console casalinghe.

"Se dai a qualcuno un controller, è come dargli una pistola, o una bomba a mano senza la sicura," ha affermato l'ormai ex-presidente di Sony Worldwide Studios.

"Non utilizziamo metà dei tasti del controller Xbox 360, semplicemente perchè il mio sogno è poter far giocare a Fable 2 chi non ha mai giocato a nulla in vita sua, così come chi gioca da quando è nato," ha invece commentato Molyneux. "Vorrei che non ci fossero così tanti tasti sul controller. In termini di design bisogna pensare di avere un unico tasto."

Dopo aver elogiato il Wii-mote per essere un dispositivo "non-game centric," Harrison ha quindi descritto l'iPhone come esempio di semplicità ed istintività.

"L'ho visto per la prima volta qualche settimana fa, un bimbo di due anni stava giocando con un iPhone, e sapeva come far apparire immagini di mamma e papà," ha raccontato Harrison. Il bambino pensava intuitivamente che tutti i dispositivi elettronici funzionassero allo stesso modo: stava premendo i tasti per cambiare i canali della TV. Lui ha ragione, ed il resto di noi sbaglia: ciò dovrebbe essere applicato universalmente. Apple dovrebbe essere elogiata per una tale innovazione."