Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Nintendo si chiama fuori dalla questione politica nei videogiochi

Nintendo si chiama fuori dalla questione politica nei videogiochi

Reggie Fils-Aime ha le idee chiare in proposito

Nintendo (Software House)
A cura di Paolo “Boyscout” Sirio del 16/06/2017
The National, programma che va in onda su CBC News, ha approfittato dell'E3 2017 per informarsi riguardo alla trattazione di tematiche politiche all'interno dei videogiochi.

Ha destato un certo scalpore, infatti, la scelta di Ubisoft di ambientare Far Cry 5 nel Montana, con un certo tipo di estremismo religioso utilizzato come principale antagonista nel corso della storia.

Intervistato per l'occasione, Reggie Fils-Aime di Nintendo of America si è chiamato fuori dalla questione politica nei videogiochi, spiegando (dal minuto 58:57) che "sono altri quelli che devono fare dichiarazioni politiche".

"Noi vogliamo che la gente sorrida e si diverta giocando i nostri titoli".

Siete d'accordo con la visione del mezzo videoludico di Nintendo?



Fonte: NintendoEverything
0 COMMENTI