Le Perle del Web della settimana

Domenica è sempre domenica, e come da tradizione noi di SpazioGames vi mostriamo le cosiddette "perle" prese dal web, la nostra imperdibile (e un po' folle) rubrica del fine settimana. In basso potete infatti ammirare una nuova galleria di immagini più o meno fuori di testa che dimostrano come la rete sia impazzita anche in questi ultimi sette giorni.



Questa settimana ringraziamo i noti siti 9Gag e Memebase.cheezburger, oltre alla pagina Facebook Videogamemes per le loro pubblicazioni. Ci vediamo domenica prossima con la rubrica più assurda che c'è!
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 14
  • bethlehem
    bethlehem
    Livello: 7
    Post: 3388
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da HUNTER89

    il gioco nella 3 è il primo Far Cry?
    sono abbastanza sicuro,sì
  • Kalakotkas
    Kalakotkas
    Livello: 0
    Post: 0
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da sbranco

    non ci credo, c'è davvero qualcuno al mondo che non ha la melma nel cervello! E' sempre divertente e allarmante vedere la gente che parla in maniera scientifica di roba che di scientifico ha una bella cippa di niente. Domani magari arriva il signor tizio che in preda alle allucinazioni da pejote scrive un libro fantasy in cui dice che un drago a 6 zampe si chiama gianfranco, tutti inizieranno a dire "ha 6 zampe, non è un drago, è un gianfranco!"
    Per chi ha una mente razionale è semplicemente confortante scorgere una logica anche nella costruzione di un mondo fantastico. Personalmente non mi sentirei coinvolto abbastanza da entrare in dibattiti sull'argomento (è semplicemente insensato), ma trovo stimolante l'idea di applicare la scienza a opere di fantasia. (Game Theory anyone?)
  • sbranco
    sbranco
    Livello: 2
    Post: 17
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da SpaceJoker

    Quell'affermazione sulle viverne, come al solito, denota ignoranza, e sinceramente sono un po' stanco di sentirla ripetuta a destra e manca su internet. Nella cultura medievale le due creature erano la stessa cosa. La differenza era semplicemente estetica, in quanto so basava solamente sulle raffigurazioni artistiche (vedi San Giorgio e il Drago) ma nell'immaginario collettivo non esisteva una creatura chiamata "Viverna". Questo termine è entrato in uso nel 1600, periodo nel quale sempre piú spesso raffigurazioni di draghi venivano usate in araldica. Per convenzione si decise di usare "Viverna" per indicare quei particolari draghi che avevano due zampe. E Stop. Essendo i draghi creature immaginarie, se il creatore di un universo narrativo/un concept artist ecc.. decide che quella determinata creatura, che abbia 2,4,6,24 zampe, è un "Drago", allora in quel contesto è a tutti gli effetti un Drago. Punto. In DnD la distinzione è piú netta, ma ciò accade lí perchè i designer avevano deciso cosí PER DnD. Non ci sono inferenze mitologiche/culturali nel merito, se non appunto la sopracitata araldica.
    non ci credo, c'è davvero qualcuno al mondo che non ha la melma nel cervello! E' sempre divertente e allarmante vedere la gente che parla in maniera scientifica di roba che di scientifico ha una bella cippa di niente. Domani magari arriva il signor tizio che in preda alle allucinazioni da pejote scrive un libro fantasy in cui dice che un drago a 6 zampe si chiama gianfranco, tutti inizieranno a dire "ha 6 zampe, non è un drago, è un gianfranco!"
  • Jovi
    Jovi
    Livello: 3
    Post: 91
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Kalakotkas

    Ho sempre visto i draghi alla Skyrim/GoT come una versione scientificamente accurata di queste bestie leggendarie. Alla fine tutti i vertebrati terrestri sono tetrapodi e l'evoluzione opterebbe per il cooptamento di un paio di arti in ali piuttosto che alla formazione di un secondo paia innestato sulle stesse scapole.
    Chiedi a Rocco se tutti i vertebrati sono tetrapodi...
  • Kalakotkas
    Kalakotkas
    Livello: 0
    Post: 0
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Ho sempre visto i draghi alla Skyrim/GoT come una versione scientificamente accurata di queste bestie leggendarie. Alla fine tutti i vertebrati terrestri sono tetrapodi e l'evoluzione opterebbe per il cooptamento di un paio di arti in ali piuttosto che alla formazione di un secondo paia innestato sulle stesse scapole.
  • Sgt.Law
    Sgt.Law
    Livello: 6
    Post: 600
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da SpaceJoker

    Quell'affermazione sulle viverne, come al solito, denota ignoranza, e sinceramente sono un po' stanco di sentirla ripetuta a destra e manca su internet. Nella cultura medievale le due creature erano la stessa cosa. La differenza era semplicemente estetica, in quanto so basava solamente sulle raffigurazioni artistiche (vedi San Giorgio e il Drago) ma nell'immaginario collettivo non esisteva una creatura chiamata "Viverna". Questo termine è entrato in uso nel 1600, periodo nel quale sempre piú spesso raffigurazioni di draghi venivano usate in araldica. Per convenzione si decise di usare "Viverna" per indicare quei particolari draghi che avevano due zampe. E Stop. Essendo i draghi creature immaginarie, se il creatore di un universo narrativo/un concept artist ecc.. decide che quella determinata creatura, che abbia 2,4,6,24 zampe, è un "Drago", allora in quel contesto è a tutti gli effetti un Drago. Punto. In DnD la distinzione è piú netta, ma ciò accade lí perchè i designer avevano deciso cosí PER DnD. Non ci sono inferenze mitologiche/culturali nel merito, se non appunto la sopracitata araldica.
    Tu non stai bene
  • HUNTER89
    HUNTER89
    Livello: 8
    Post: 327
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    il gioco nella 3 è il primo Far Cry?
  • bethlehem
    bethlehem
    Livello: 7
    Post: 3388
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    la 11 XD
  • Minollo64
    Minollo64
    Livello: 3
    Post: 866
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da SpaceJoker

    Quell'affermazione sulle viverne, come al solito, denota ignoranza, e sinceramente sono un po' stanco di sentirla ripetuta a destra e manca su internet. Nella cultura medievale le due creature erano la stessa cosa. La differenza era semplicemente estetica, in quanto so basava solamente sulle raffigurazioni artistiche (vedi San Giorgio e il Drago) ma nell'immaginario collettivo non esisteva una creatura chiamata "Viverna". Questo termine è entrato in uso nel 1600, periodo nel quale sempre piú spesso raffigurazioni di draghi venivano usate in araldica. Per convenzione si decise di usare "Viverna" per indicare quei particolari draghi che avevano due zampe. E Stop. Essendo i draghi creature immaginarie, se il creatore di un universo narrativo/un concept artist ecc.. decide che quella determinata creatura, che abbia 2,4,6,24 zampe, è un "Drago", allora in quel contesto è a tutti gli effetti un Drago. Punto. In DnD la distinzione è piú netta, ma ciò accade lí perchè i designer avevano deciso cosí PER DnD. Non ci sono inferenze mitologiche/culturali nel merito, se non appunto la sopracitata araldica.
    È in arrivo una squadriglia di grifoni in groppa ad unicorni.
    Rosa pallida a pois verde pisello.
  • gen984
    gen984
    Livello: 5
    Post: 1150
    Mi piace 9 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da SpaceJoker

    Quell'affermazione sulle viverne, come al solito, denota ignoranza, e sinceramente sono un po' stanco di sentirla ripetuta a destra e manca su internet. Nella cultura medievale le due creature erano la stessa cosa. La differenza era semplicemente estetica, in quanto so basava solamente sulle raffigurazioni artistiche (vedi San Giorgio e il Drago) ma nell'immaginario collettivo non esisteva una creatura chiamata "Viverna". Questo termine è entrato in uso nel 1600, periodo nel quale sempre piú spesso raffigurazioni di draghi venivano usate in araldica. Per convenzione si decise di usare "Viverna" per indicare quei particolari draghi che avevano due zampe. E Stop. Essendo i draghi creature immaginarie, se il creatore di un universo narrativo/un concept artist ecc.. decide che quella determinata creatura, che abbia 2,4,6,24 zampe, è un "Drago", allora in quel contesto è a tutti gli effetti un Drago. Punto. In DnD la distinzione è piú netta, ma ciò accade lí perchè i designer avevano deciso cosí PER DnD. Non ci sono inferenze mitologiche/culturali nel merito, se non appunto la sopracitata araldica.
    Sheldon... sei tu?
  • Il Rich
    Il Rich
    Livello: 6
    Post: 405
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Erida
    Sono sconcertato dal fatto che non hai nominato i WURM/WORM ! Queste discriminazioni, basate solo sulle appendici articolari, sono alquanto fuori luogo. Nel Silmarillion un WORM è stato il primo dei draghi, quindi gli altri sono solo evoluzioni bislacche !
    non si scrive wyrm? O sono cose diverse?
  • Erida
    Erida
    Livello: 4
    Post: 852
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da SpaceJoker

    Quell'affermazione sulle viverne, come al solito, denota ignoranza, e sinceramente sono un po' stanco di sentirla ripetuta a destra e manca su internet. Nella cultura medievale le due creature erano la stessa cosa. La differenza era semplicemente estetica, in quanto so basava solamente sulle raffigurazioni artistiche (vedi San Giorgio e il Drago) ma nell'immaginario collettivo non esisteva una creatura chiamata "Viverna". Questo termine è entrato in uso nel 1600, periodo nel quale sempre piú spesso raffigurazioni di draghi venivano usate in araldica. Per convenzione si decise di usare "Viverna" per indicare quei particolari draghi che avevano due zampe. E Stop. Essendo i draghi creature immaginarie, se il creatore di un universo narrativo/un concept artist ecc.. decide che quella determinata creatura, che abbia 2,4,6,24 zampe, è un "Drago", allora in quel contesto è a tutti gli effetti un Drago. Punto. In DnD la distinzione è piú netta, ma ciò accade lí perchè i designer avevano deciso cosí PER DnD. Non ci sono inferenze mitologiche/culturali nel merito, se non appunto la sopracitata araldica.
    Sono sconcertato dal fatto che non hai nominato i WURM/WORM ! Queste discriminazioni, basate solo sulle appendici articolari, sono alquanto fuori luogo. Nel Silmarillion un WORM è stato il primo dei draghi, quindi gli altri sono solo evoluzioni bislacche !
  • Dandylion
    Dandylion
    Livello: 5
    Post: 4779
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Aqua
  • SpaceJoker
    SpaceJoker
    Livello: 4
    Post: 256
    Mi piace 12 Non mi piace -6
    Quell'affermazione sulle viverne, come al solito, denota ignoranza, e sinceramente sono un po' stanco di sentirla ripetuta a destra e manca su internet. Nella cultura medievale le due creature erano la stessa cosa. La differenza era semplicemente estetica, in quanto so basava solamente sulle raffigurazioni artistiche (vedi San Giorgio e il Drago) ma nell'immaginario collettivo non esisteva una creatura chiamata "Viverna". Questo termine è entrato in uso nel 1600, periodo nel quale sempre piú spesso raffigurazioni di draghi venivano usate in araldica. Per convenzione si decise di usare "Viverna" per indicare quei particolari draghi che avevano due zampe. E Stop. Essendo i draghi creature immaginarie, se il creatore di un universo narrativo/un concept artist ecc.. decide che quella determinata creatura, che abbia 2,4,6,24 zampe, è un "Drago", allora in quel contesto è a tutti gli effetti un Drago. Punto. In DnD la distinzione è piú netta, ma ciò accade lí perchè i designer avevano deciso cosí PER DnD. Non ci sono inferenze mitologiche/culturali nel merito, se non appunto la sopracitata araldica.
caricamento in corso...
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.