Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Final Fantasy VII: un retroscena della crisi tra Nintendo e Square Enix

Final Fantasy VII: un retroscena della crisi tra Nintendo e Square Enix

La crisi di Final Fantasy VII

Final Fantasy VII

WIIU, 3DS

Gioco di ruolo

Inglese

17 novembre 1997 PSX - 25 giugno 1998 PC - 4 giugno 2009 PSN - Inverno 2015 (PS4) - 20 agosto 2015 (iOS) - TBA (Remake)

A cura di Paolo “Boyscout” Sirio del 11/01/2017
In una corposa feature apparsa su Polygon, i membri di quella che all'epoca si chiamava Square Soft, oggi Square Enix, sono tornati a parlare del rapporto al tempo piuttosto difficile con Nintendo.

A quanto pare, la Grande N non prese affatto bene la decisione dello sviluppatore nipponico di portare Final Fantasy VII solo su PlayStation.

Anzi, Nintendo ci rimase così male al punto che, come riferito dal character programmer Hiroshi Kawai, in un meeting con Hironobu Sakaguchi e il presidente Yamauchi saltò fuori una frase durissima di quest'ultimo: "se ci lasciate, non tornate più".

Da allora, fortunatamente, i rapporti si sono risollevati e non poco, forse favoriti anche dall'uscita di scena dello storico presidente del platform holder giapponese, e diversi titoli Square, compresi appositi capitoli della serie Final Fantasy, sono usciti su console Nintendo.



Fonte: NintendoEverything
0 COMMENTI