Electronic Arts sicura: la realtà virtuale è un'occasione unica

Intervenendo nel corso della USB Global Technology Conference di San Francisco, Blake Jorgensen—chief financial officer presso Electronic Arts—ha parlato anche della realtà virtuale, uno dei temi caldi di questo 2016 che volge a concludersi. Il dirigente del colosso statunitense, infatti, vede nella VR una grande opportunità, anche se ci sono ancora difficoltà da mettere all'angolo prima di poter ritenere perfetta questa tecnologia.



"Per noi si tratta di un'opportunità unica, perché siamo tra i più grandi autori di giochi profondi e coinvolgenti. Si tratta di una nuova piattaforma con la quale possiamo sperimentare" ha spiegato Jorgensen.
Il dirigente ha quindi aggiunto che problemi come la motion sickness, ancora avvertita da numerosi utenti, non possono considerarsi "un piccolo inconveniente", ed ha quindi precisato che gli sviluppatori dovranno impegnarsi al massimo per arginarla. Oltre a questa difficoltà, ci sarà da migliorare anche la velocità di calcolo messa a disposizione dei dispositivi, in maniera tale che la renderizzazione possa essere il più agevole possibile.

Qual è il vostro rapporto con la realtà virtuale? Avete comprato qualche headset? Come vi trovate?

Fonte: DualShockers
Data di uscita: Fondata nel 1982
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 4
  • DoubleBarrel
    DoubleBarrel
    Livello: 3
    Post: 4447
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da sariddu

    Il modo di eliminare la motion sickness esiste, basta dare al giocatore una posizione fissa. Il problema è che tagli fuori ogni genere di gioco in Pratica. Per tale ragione sono convinto che l' uso della vr dovrebbe essere destinato ai film. In quel caso hanno TANTISSIMO da dire secondo me...
    La VR viene utilizzata per simulare un ambiente virtuale, ambientazione in cui un giocatore possa muoversi, o quantomeno muovere lo sguardo, testa inclusa, che simuli un qualcosa di esistente ma diverso dall'ambientazione in cui effettivamente ci si trova, sarebbe un controsenso produrre un visore che permettesse ad un giocatore di rimanere fisso rispetto a ciò che vede, o meglio sarebbe come usare un visore NON VR, in tale segmento oggetti funzionali e funzionanti (visori da testa) esistono già da tempo ma nulla hanno a che fare con la realtà virtuale. Per "realtà virtuale" si intende per esempio un visore ed un software che permettano ad un utente di guardare in basso e vedere il nulla nello spazio, di vedersi sospesi nel vuoto, purtroppo in quekl caso il cervello saprebbe benissimo di avere i piedi piantati per terra e, cercando di capire quale delle due sensazioni fosse quella giusta, provocherebbe il senso di nausea che ben conosciamo e che è inevitabile. Nel caso di film, la possibilità di vedere alcune scene a 360° già esiste con alcuni Blu Ray, senza accrocchi da realtà virtuale necessari, in ogni caso sarebbe impossibile produrre un intera pellicola in panoramica ed in ogni caso l'angolo di visione verticale sarebbe comunque limitato, anche nelle scene statiche in cui ciò fosse possibile, per cui l'applicazione pratica rimarrebbe comunque molto limitata. Dubito fortemente che si possano trovare applicazioni commerciali che vadano al di là di tech-demo sfiziose o, se vogliamo usare un'altro nome, giochi molto brevi. Resta senza dubbio un'esperienza interessante, ma non vedo proprio come il mercato dei tripla A possa avvalersi di questa tecnologia, tantomeno il mercato cinematografico.
  • sariddu
    sariddu
    Livello: 4
    Post: 2786
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da DoubleBarrel

    Il problema nasce nel momento in cui a determinati stimoli visivi non corrispondono i relativi movimenti del corpo, mentre i labirinti percepiscono una posizione della testa e quindi anche del corpo, il nervo ottico manda segnali completamente diversi, tutto ciò provoca inevitabilmente nausea nel momento in cui il cervello cerca di riallineare i due input, detta in quattro parole comprensibili, semplicemente NON SI PUO'.
    Il modo di eliminare la motion sickness esiste, basta dare al giocatore una posizione fissa. Il problema è che tagli fuori ogni genere di gioco in Pratica. Per tale ragione sono convinto che l' uso della vr dovrebbe essere destinato ai film. In quel caso hanno TANTISSIMO da dire secondo me...
  • DoubleBarrel
    DoubleBarrel
    Livello: 3
    Post: 4447
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da The Lightning

    In effetti è questo il grande problema della realtà virtuale, alcuni giochi sono tollerabili, altri fanno veramente star male... Speriamo riescano ad eliminarla, ma la vedo dura....
    Il problema nasce nel momento in cui a determinati stimoli visivi non corrispondono i relativi movimenti del corpo, mentre i labirinti percepiscono una posizione della testa e quindi anche del corpo, il nervo ottico manda segnali completamente diversi, tutto ciò provoca inevitabilmente nausea nel momento in cui il cervello cerca di riallineare i due input, detta in quattro parole comprensibili, semplicemente NON SI PUO'.
  • The Lightning
    The Lightning
    Livello: 1
    Post: 84
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    In effetti è questo il grande problema della realtà virtuale, alcuni giochi sono tollerabili, altri fanno veramente star male... Speriamo riescano ad eliminarla, ma la vedo dura....
caricamento in corso...

 
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.