Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Bethesda, parla Pete Hines: dobbiamo assicurarci della qualità dei nostri giochi

Bethesda, parla Pete Hines: dobbiamo assicurarci della qualità dei nostri giochi

Dishonored 2

PC, PS4, XONE

Action-Adventure

Italiano (testi e doppiaggio)

11 novembre 2016

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 03/11/2016
Dopo aver fatto arrivare sul mercato The Elder Scrolls V: Skyrim - Special Edition, di cui vi abbiamo riferito tutto nella nostra recensione, Bethesda si prepara ad un esordio assoluto, quello di Dishonored 2. Dopo il grande successo dell'episodio originale, Pete Hines ha spiegato ai colleghi della testata GamesIndustry che l'intento della compagnia e del team di Arkane Studios è sicuramente quello di ripetersi.



"Credo che ci impegniamo tanto, e mi concentro sicuramente molto su questa cosa, che non c'è tempo di pensare ai giochi dal punto di vista del franchise. Bisogna concentrarsi su una piccola cosa. Che si tratti dei DLC, di un possibile Dishonored 3 o di qualsiasi altra cosa è completamente irrilevante, mentre stai realizzando Dishonored 2, perché se il gioco non sarà bello e non farai tutto il possibile affinché lo sia, allora nient'altro importerà" ha spiegato Hines, in merito ai metodi di lavoro di Bethesda.

"È una cosa che emerge molto, con le persone che chiedono 'quali sono i vostri piani per i DLC?'. Se non faremo bene il gioco, non ci sarà nessuno che vorrà comprarsi i DLC. Il nostro obiettivo è realizzare Dishonored 2, poi se il mio team ha fatto un buon lavoro, parlare di ciò che hanno fatto questi ragazzi affinché venda bene. Poi, ci dedicheremo a cosa verrà dopo."

Effettivamente, anche noi qualche mese fa abbiamo chiesto al creative director Harvey Smith se ci fossero o meno piani per dei futuri DLC, come c'erano stati per il primo gioco. La sua risposta è stata molto semplice: “in questo momento non stiamo parlando di nessun piano futuro, tutti i nostri sforzi sono concentrati su Dishonored 2." In caso vi foste persi la video intervista, potete vederla cliccando qui.



In merito alla presenza di un personaggio femminile giocabile, Emily, oltre al già apprezzato Corvo, Hines ha spiegato che "se fosse stato solo uno sforzo per avere un personaggio femminile, allora credo che sarebbe stata una cosa un po' vuota. Non voglio dire che siamo stati perfetti con quello che abbiamo deciso, ma ritengo che qui da Bethesda abbiamo fatto un buon lavoro, sposando l'idea di offrire una scelta. Quando giochi a Elder Scrolls si tratta di 'essere chiunque tu voglia'. Non si è mai trattato di essere maschio, o di aver un particolare nome o una determinata razza. Sii quello che vuoi e fai quello che ti pare."

"Il team di Arkane ha molto apprezzato l'idea di non fare solo progredire la storia di Dishonored, ma di esplorare Emily: cosa le è accaduto, quali sono gli effetti dell'essere cresciuta con suo padre, hanno realizzato una storia su questo. Corvo è un personaggio ormai stabilito che è piaciuto alla gente, quindi dare loro un'opzione e dare voce ad entrambi i personaggi ci è sembrato l'approccio migliore."

Vi ricordiamo che Dishonored 2 arriverà su PC, PS4 e Xbox One il prossimo 11 novembre. Dal momento che Bethesda non invierà più copie anticipate alla stampa se non un giorno prima della release, vi abbiamo già spiegato in che modo recensiremo la nuova avventura di Corvo ed Emily.