Prey: un video ci spiega la curiosa storia della TranStar

Un nuovo video pubblicato da Bethesda e Arkane Studios ci spiega la curiosa storia della TranStar, la malvagia compagnia che, dopo aver acquisito la stazione spaziale Talos I, la utilizza per fini eticamente poco corretti in Prey.

Nel futuro alternativo di Prey, il presidente Kennedy è sopravvissuto all'attentato. Questo innesca una serie di eventi che porta alla storia principale. Scampata la tragedia, Kennedy decide di assumere il controllo di un progetto congiunto tra Stati Uniti e Russia, trasformando un satellite russo in una struttura di ricerca extraterrestre.



Questa struttura diventerà Talos I, una stazione spaziale all'avanguardia di proprietà della TranStar Corporation. In pochi anni dopo l'acquisizione da parte della TranStar, la stazione viene utilizzata per compiere esperimenti moralmente discutibili su cavie umane. Cavie come Morgan Yu.

Dopo il risveglio a bordo di Talos I, Morgan scopre che la stazione è stata invasa da un'entità aliena sfuggita al controllo e nota come "Typhon", che gli scienziati stavano studiando e impiegando per migliorare le capacità umane. Grazie ai poteri derivati dagli alieni, Morgan dovrà sopravvivere all'invasione, scoprire i misteri che circondano i Typhon e salvare l'umanità dal pericolo a bordo della stazione.

L'uscita di Prey è prevista per il 2017 su PC, PS4 e Xbox One.
Data di uscita: TBA 2017
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...

 
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.