Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Il Mad Max dei Metallica è stato cancellato nel 2003

Il Mad Max dei Metallica è stato cancellato nel 2003

Mad Max

PC, PS4, PS3, XONE, WIIU

Azione

Warner

4 settembre 2015

A cura di Paolo “Boyscout” Sirio del 17/10/2016
Una prassi molto comune nel mondo dello sviluppo dei videogiochi è commissionare titoli che poi non vedranno mai la luce, o iniziare a produrli per sottoporli ai publisher nella speranza che li finanzino.

Più o meno è quello che è successo al gioco dei Metallica in sviluppo nel 2003 presso Black Rock, lo studio che ci avrebbe poi regalato Split/Second e sarebbe finito nel tritacarne del business videoludico di scarso successo firmato Disney.



La clip in alto svela per la prima volta il gameplay di questo titolo, ispirato fortemente a Mad Max in termini di ambientazioni e meccaniche di gioco che prevedevano frenetici combattimenti tra auto.

Sembra che le cose non siano andate per il verso giusto in materia di licensing, il che non ci stupisce considerando che il progetto avrebbe dovuto includere brani e temi ispirati alla band heavy metal più discussa quando si parla di copyright.

L'editore, all'epoca, sarebbe stato Vivendi, il conglomerato francese che da tempo "minaccia" Ubisoft ed è in trattative per l'acquisizione per la pay tv Premium dell'emittente italiana Mediaset.