Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Il compositore di Skyrim polemico: non sarò al concerto di Londra

Il compositore di Skyrim polemico: non sarò al concerto di Londra

La rabbia del compositore della serie

The Elder Scrolls V: Skyrim

PC, PS4, PS3, XONE

Gioco di ruolo

Italiano

Koch Media

11 Novembre 2011 - 28 ottobre 2016 (Special Edition) - Inverno 2017 (Switch) - Novembre 2017 PS VR

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 30/09/2016
Nelle ultime ore, vi abbiamo riferito che, in vista dell’arrivo di Skyrim: Special Edition, Bethesda ha organizzato a Londra un concerto dedicato alla musica di The Elder Scrolls V. Purtroppo, però, apprendiamo direttamente da lui che Jeremy Soule, compositore della splendida colonna sonora del titolo, non era informato dell’iniziativa, né vi prenderà parte.



La notizia viene direttamente dal profilo Facebook del compositore, con un post che vi traduciamo qui sotto:

”Concerto? Quale concerto??
Tutti quelli che mi conoscono sanno anche che mi interesso personalmente dell’integrità della mia musica. Comporre la musica per Skyrim mi ha richiesto anni, è stata costruita davvero con cura. Oggi, leggo delle notizie che parlano di un concerto di ‘Skyrim’. È la prima volta che ne sento parlare. Per la cronaca, questo concerto non ha niente a che vedere con me, né stanno utilizzando nessuno dei miei spartiti originali. Hanno dovuto trascrivere qualsiasi notazione suoneranno ad orecchio, direttamente dalle registrazione. Si tratta di un procedimento imperfetto, dal momento che con le trascrizioni ci sono sempre degli errori. Per andare sul sicuro, non so chi siano queste persone e non appoggio un concerto che sta sfruttando il mio nome e la mia musica senza che, da parte mia, ci sia alcun coinvolgimento né supervisione. Per i miei fan, volevo solo che sapeste che cosa avrete se pagherete per andare a questo concerto. Siate diffidenti.”


Ecco il post in lingua originale:

Rispondendo ai commenti degli utenti, Soule ha anche rincarato la dose: dopo aver precisato che Bethesda può fare quello che le pare, è la sua IP”, il compositore ha aggiunto che ”non mi lamento mai delle cover della mia musica, ma quando si fanno pagare i fan per un’esperienza che dovrebbe essere autentica, i fan hanno diritto a sapere di cosa si tratta.”

Vedremo se sia il compositore che Bethesda vorranno fornire ulteriori commenti in merito. Come i fan della serie sanno, le colonne sonore di Jeremy Soule sono ormai diventate un marchio inconfondibile della serie The Elder Scrolls, fin dal suo debutto in Morrowind, proseguendo con Oblivion e infine il dibattuto Skyrim.