Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
David Jaffe, papà di God of War: non c'è marketing che tenga per un brutto gioco

David Jaffe, papà di God of War: non c'è marketing che tenga per un brutto gioco

God of War (old)

PS2, PS3, PS4, PSP, PSVITA

Azione

italiano

SCEE

giugno 2005

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 03/08/2016
David Jaffe, autore di God of War e Twisted Metal, ora al lavoro su Draw to Death, è intervenuto nel corso di un keynote dedicato ai videogiochi, parlando del rapporto tra sviluppatori e publisher e del fatto che un brutto gioco, a prescindere dalle campagne di marketing, non possa riuscire a sfondare.



"Le dinamiche tra publisher e sviluppatore sono un po' come quando vai ad un appuntamento con qualcuno che hai appena conosciuto" ha spiegato Jaffe, durante il suo intervento, spiegando come sia necessario essere sinceri e rispettosi da entrambe le parti. "Per me, si è sempre trattato di fare felice il consumatore", ha aggiunto, spiegando che anche il publisher è un cliente dello sviluppatore, e che per questo bisogna trovare il modo di compiacerlo.

Jaffe si è anche detto in disaccordo con gli sviluppatori che accusano il publisher per il fallimento dei loro giochi, identificando in un marketing non all'altezza il responsabile di mancate vendite: "tutti il marketing del mondo non aiuterà un gioco che non fa presa a livello commerciale". In merito alle sue opere, Jaffe ha parlato del suo Twisted Metal, che ebbe una campagna molto inferiore a quelle di Uncharted o Killzone. Certo, può essere frustrante, ma "imparate a conviverci, ca*zo."

Come considerate le sue dichiarazioni?