Deus Ex: Mankind Divided, polemiche per lo slogan Augs life matters

Polemiche per l'atteso Deus Ex: Mankind Divided a causa del concept art recentemente distribuito da Square Enix. Come vi abbiamo già raccontato nelle nostre anteprime, la narrativa del gioco punterà sulla "mechanical apartheid", parlando quindi dei problemi di convivenza sociale (e di discriminazione) tra persone e persone con augmentation, ossia i cosiddetti "augmented", o "augs". Proprio a ciò fa riferimento lo slogan "augs life matters" visto nel concept art—che però è estremamente simile a quello del movimento "Black life matters", che chiede uguaglianza e giustizia per i cittadini afroamericani, visti i casi controversi verificatisi con nuovo vigore negli Stati Uniti.



Andre Vu, executive brand director della serie Deus Ex, ha però voluto specificare sul suo profilo Twitter che l'utilizzo dello slogan e la sua somiglianza con il nome del vero movimento sono solo "una sfortunata coincidenza." Il suo cinguettio è arrivato in risposta alle accuse di Manveer Heir, designer presso BioWare, che non ha per niente gradito la cosa, ritenendo che Square Enix si sia servita di infelici eventi di cronaca per promuovere Mankind Divided:

Se siete interessati al confronto tra i due, potete vedere la conversazione completa cliccando qui. Nei tweet, Vu ha invitato Heir a non saltare a conclusioni affrettate ed ha ribadito che si è trattato solo di una coincidenza, con il dipendente BioWare che ha accusato di incompetenza gli sviluppatori della nuova avventura di Jensen per non aver previsto le reazioni di fronte allo slogan. Ecco il tweet:


Vi ricordiamo che Deus Ex: Mankind Divided è atteso per il 23 agosto su PC, PS4 e Xbox One. Rimanete con noi per la futura recensione e per tutte le altre novità sul gioco. Intanto, potete conoscerlo consultando la nostra scheda dedicata.

Data di uscita: 23 agosto 2016
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 15
  • Flight
    Flight
    Livello: 3
    Post: 4186
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    In BioWare pensassero a partorire un Mass Effect Andromeda decente, che il third person shooting che stanno allestendo, dopo le massicce defezioni dalla BioWare della trilogia, non promette nulla di buono, con una deriva action che suona molto da sfruttamento commerciale del titolo scifi.
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da MrSkellington

    Nah,i videogiochi sono troppo costosi per permetterselo. Se avessero esplicitamente legato il gioco alle proteste avrebbero azzoppato le vendite negli usa, nn lo farebbero mai, nn possono proprio farlo se vogliono sopravvivere. Penso che i videogiochi ad alto budget siano decisamente poco adatti a trattare temi davvero controversi (per lo stesso motivo il cinema ad alto budget, più che per la censura che nn impedisce di parlare di temi complessi)
    Hai assolutamente ragione. Prima non ho specificato: in quel post mi riferivo a temi culturalmente elevati e a storie profonde, non ai temi controversi
  • MrSkellington
    MrSkellington
    Livello: 6
    Post: 5998
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Light8

    Se i primi a criticare i videogame che propongono tematiche forti sono gli sviluppatori stessi, non lamentiamoci se poi il videogioco è trattato come l'ultima ruota del carro. Il videogioco, grazie al tipo di distribuzione che ha, senza troppe censure(ci sono, ma essendoci pochi problemi a rilasciare videogiochi solo per un pubblico adulto(16+ o 18+), a differenza dei film dove il marketing impone un rating sempre sotto i 14 anni di età per i film ad alto budget) potrebbe devastare il cinema in quanto a contenuti, se solo lo volesse.
    Nah,i videogiochi sono troppo costosi per permetterselo. Se avessero esplicitamente legato il gioco alle proteste avrebbero azzoppato le vendite negli usa, nn lo farebbero mai, nn possono proprio farlo se vogliono sopravvivere. Penso che i videogiochi ad alto budget siano decisamente poco adatti a trattare temi davvero controversi (per lo stesso motivo il cinema ad alto budget, più che per la censura che nn impedisce di parlare di temi complessi)
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Big_Boss199X

    Anche secondo me Bioware usa la "politically correct" senza motivo per farsi pubblicità, infatti io personalmente non ho mai digerito i loro videogames. Square non dovrebbe neanche rispondere a certe accuse ridicole, scritte da ipocriti moralisti che non hanno niente da fare.
    Se i primi a criticare i videogame che propongono tematiche forti sono gli sviluppatori stessi, non lamentiamoci se poi il videogioco è trattato come l'ultima ruota del carro. Il videogioco, grazie al tipo di distribuzione che ha, senza troppe censure(ci sono, ma essendoci pochi problemi a rilasciare videogiochi solo per un pubblico adulto(16+ o 18+), a differenza dei film dove il marketing impone un rating sempre sotto i 14 anni di età per i film ad alto budget) potrebbe devastare il cinema in quanto a contenuti, se solo lo volesse.
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da YumiLil

    La somiglianza del significato è praticamente la stessa, le vite dei neri contano tanto quanto quelle dei potenziati nei due mondi alternativi, reale e del gioco, ma non direi minimamente che il gioco ne tragga beneficio anzi sensibilizza alle cause di apartheid e quindi giova a BLM, sarebbe al massimo da premiare come opera di ottima morale e che fa riflettere molto più di tanti articoli buonisti o xenofobi.
    E aggiungo che in Deus Ex(almeno in Human Revolution) non viene mai presa una posizione: i potenziati non vengono descritti come "poverini che vengono trattati male", e idem per le persone senza innesti. Fa un'analisi parecchio neutrale, che trova il buono e il cattivo in base ai casi(basti vedere i finali come cambiano in relazione alla scelta fatta), senza mai generalizzare. Oppure mi viene in mente Life is Strange, dove ci sono tematiche molto forti, attuali, o scottanti(mettiamola così), ma non viene mai imposto nulla al giocatore, mai niente. A differenza dei nostri telegiornali, dove esiste sempre il bianco e il nero in ogni cosa, mai il grigio, e dove chi dovrebbe solo informare, fa propaganda delle sue idee (vabbè esempio a caso, ma è così). Quindi non avrebbero nessuno scusa per criticare.
  • Big_Boss199X
    Big_Boss199X
    Livello: 3
    Post: 877
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Light8

    E parla Bioware? ahah Che inserisce ad cazzum nei suoi videogiochi tematiche sociali "controverse" senza nessun motivo e senza nessun nesso logico di sceneggiatura, per farsi pubblicità o essere politically correct Ma non rompete le palle, adesso uno si fa la pubblicità con un concept art? XD E anche se avessero davvero preso spunto dal vero slogan non ci vedrei così tanto di male. Farebbe riferimento a tensioni di carattere sociale vere e attuali... O dobbiamo censurare tutto, come fa la Germania con i riferimenti al nazismo in qualsiasi opera?
    Anche secondo me Bioware usa la "politically correct" senza motivo per farsi pubblicità, infatti io personalmente non ho mai digerito i loro videogames. Square non dovrebbe neanche rispondere a certe accuse ridicole, scritte da ipocriti moralisti che non hanno niente da fare.
  • PadreArno
    PadreArno
    Livello: 1
    Post: 0
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Se ci fate caso queste coincidenze succedono sempre quando sta per uscire, un gioco
  • YumiLil
    YumiLil
    Livello: 0
    Post: 45
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    La somiglianza del significato è praticamente la stessa, le vite dei neri contano tanto quanto quelle dei potenziati nei due mondi alternativi, reale e del gioco, ma non direi minimamente che il gioco ne tragga beneficio anzi sensibilizza alle cause di apartheid e quindi giova a BLM, sarebbe al massimo da premiare come opera di ottima morale e che fa riflettere molto più di tanti articoli buonisti o xenofobi. In realtà però i due eventi sono slegati e non esiste niente di simile nella vita reale, nel gioco nasce e si diffonde il terrore per il possibile utilizzo a fine di arma dei potenziamenti, oggetti pericolosi indissociabili dagli individui, nel nostro mondo sono colore della pelle, ideologie o religioni che di per se non sono armi fisiche ma strade che possono portare all'utilizzo delle armi perciò la morale non ha senso, non c'è insegnamento, non ci sono analogie e questa accusa denota solo ignoranza, pressapochismo, scarso intelletto di un sempliciotto che legge solo i titoli o le etichette e mai si è fermato un secondo della sua vita a ragionare sulla causa-effetto, sulla reazione a catena di molti su tutti, per me sarebbe la sua firma sul licenziamento automatico.
  • MrSkellington
    MrSkellington
    Livello: 6
    Post: 5998
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Light8

    E parla Bioware? ahah Che inserisce ad cazzum nei suoi videogiochi tematiche sociali "controverse" senza nessun motivo e senza nessun nesso logico di sceneggiatura, per farsi pubblicità o essere politically correct Ma non rompete le palle, adesso uno si fa la pubblicità con un concept art? XD E anche se avessero davvero preso spunto dal vero slogan non ci vedrei così tanto di male. Farebbe riferimento a tensioni di carattere sociale vere e attuali... O dobbiamo censurare tutto, come fa la Germania con i riferimenti al nazismo in qualsiasi opera?
    Il "controverso" di bioware è come il "trasgressivo" dell'arte contemporanea, roba che lo era 50 anni fa e oggi è quanto di più ruffiano ci sia infatti secondo me hanno sbagliato risposta, avrebbero dovuto rivendicare il diritto a inserire tematiche attuali. Ma sarebbe stato davvero controverso e nessuno in quest'industria lo è, figuriamoci coi tripla a
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 8 Non mi piace 0
    E parla Bioware? ahah Che inserisce ad cazzum nei suoi videogiochi tematiche sociali "controverse" senza nessun motivo e senza nessun nesso logico di sceneggiatura, per farsi pubblicità o essere politically correct Ma non rompete le palle, adesso uno si fa la pubblicità con un concept art? XD E anche se avessero davvero preso spunto dal vero slogan non ci vedrei così tanto di male. Farebbe riferimento a tensioni di carattere sociale vere e attuali... O dobbiamo censurare tutto, come fa la Germania con i riferimenti al nazismo in qualsiasi opera?
  • SoulCalibuRULER
    SoulCalibuRULER
    Livello: 4
    Post: 1253
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    fossi il capo di bioware licenzierei quel deficente per cattiva pubblicità. la gente si deve rendere conto che a certi livelli il loro nome è seguito da quello della loro compagnia.
  • MrSkellington
    MrSkellington
    Livello: 6
    Post: 5998
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da LaFrecciaBlu

    Dio santo, ma qui ogni scusa è buona per crear polemiche?
    C'è da dire che è un argomento di enorme attualità negli usa (anche se il gioco mi sembra sia canadese), difficile nn accorgersi di uno slogan pressoché uguale. Cioè come se fai un gioco dove uno stato si ribella all'impero di cui fa parte e chiami l'evento "strexit" (nome a caso)
  • coap
    coap
    Livello: 1
    Post: 379
    Mi piace 7 Non mi piace -1
    Ma che due palle sinceramente, è una frase... Cos'è, hanno il monopolio di "lives matter"?
  • Sorre
    Sorre
    Livello: 6
    Post: 618
    Mi piace 9 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da LaFrecciaBlu

    Dio santo, ma qui ogni scusa è buona per crear polemiche?
    Si si ormai questo è un mondo dove le polemiche sono il pane quotidiano.
  • LaFrecciaBlu
    LaFrecciaBlu
    Livello: 5
    Post: 315
    Mi piace 6 Non mi piace 0
    Dio santo, ma qui ogni scusa è buona per crear polemiche?
caricamento in corso...
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.