Tolleranza zero per i cheater in The Division, il comunicato di Ubisoft

Con una nota comparsa sul sito ufficiale del gioco, Ubisoft e Massive Entertainment hanno ribadito la tolleranza zero per i cheater che cercano di rovinare l'esperienza offerta agli utenti da Tom Clancy's The Division. Come si legge, "sin dalle prime fasi di sviluppo del gioco, la nostra attenzione è sempre stata focalizzata sull'esperienza offerta al giocatore e sul suo livello qualitativo. Abbiamo molti piani per il futuro di The Division e per riuscire a realizzarli con successo dobbiamo essere sicuri di poter fornire un'esperienza eccezionale. Purtroppo, tutto questo è stato inficiato nell'ultimo periodo da alcuni bug e da vari giocatori che hanno violato le regole del gioco. Per riuscire a ripristinare un ambiente migliore, abbiamo intrapreso tutta una serie di nuove azioni per risolvere questa situazione."



Il post, che potete leggere nella sua interezza (e in italiano) al link in calce alla nostra notizia, spiega poi alcune delle contromisure che la compagnia sta adottando per evitare che i cheater possano agire indisturbati, con Ubisoft e Massive che riferiscono "ora siamo in grado di identificarli in numero molto maggiore rispetto a prima. Abbiamo già identificato più giocatori scorretti negli ultimi giorni che in tutte le settimane precedenti. Di conseguenza, nei prossimi giorni invieremo la più grande ondata di sospensioni mai applicata. In secondo luogo, quando un giocatore di questo tipo è identificato, viene sospeso per 14 giorni alla prima violazione (invece dei precedenti 3 giorni) e si passa poi direttamente a una sospensione permanente in caso di ulteriori violazioni."

Arrivano contromisure anche per chi gode degli exploit: "il nostro primo passo consiste nell'essere più chiari. Se un nuovo bug dovesse essere scoperto, confermeremo rapidamente se è considerato un exploit. Tutti gli exploit noti verranno segnalati chiaramente nel forum pubblico del gioco e nelle altre nostre piattaforme di comunicazione. Desideriamo che tutti i giocatori siano adeguatamente informati. Così facendo, chi verrà scoperto in seguito a sfruttare un exploit avrà ben chiare le ragioni delle azioni che verranno intraprese nei suoi confronti.

Abbiamo infatti intenzione di implementare delle sanzioni, in base alla gravità dell'episodio e alla storia personale del singolo giocatore coinvolto. Si può anche arrivare all'annullamento dei progressi ottenuti in modo illecito e a sospensioni temporanee o permanenti. Chi incapperà negli eventuali bug durante una normale sessione di gioco, non ha nulla di cui preoccuparsi."


Vi ricordiamo che Tom Clancy's The Division è disponibile su PC, PS4 e Xbox One. Per conoscere meglio il gioco, vi rimandiamo ai nostri approfondimenti dedicati.
Data di uscita: 8 marzo 2016
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 4
  • The gianmy
    The gianmy
    Livello: 4
    Post: 441
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    La natura stessa del pvp di the division impone che tutto sia regolare, speriamo bene.
  • Stepet82
    Stepet82
    Livello: 0
    Post: 1147
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Al momento è pieno di giocatori che glitchano, vediamo se oltre alle parole fanno anche qualche fatto.
  • Dady
    Dady
    Livello: 0
    Post: 16
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Finalmente! The Division è un gioco stupendo, ma ti passa la voglia di giocarci quando incontri gente che non va giù nonostante ci sia mezzo server contro essi.
  • Turex RR
    Turex RR
    Moderatore
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Discussione ripulita
caricamento in corso...
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.