Uno studio rivela: i videogiochi aiutano i bambini nello sviluppo

Uno studio condotto da ricercatori della Columbia University e della Paris Descartes University ha concluso che i videogiochi stimolano e aiutano il progresso scolastico e psicologico dei bambini. Circa il 20% dei bambini intervistati ha giocato con i videogames circa 5 ore (o più) alla settimana e dimostrato meno problemi psicologici e un miglior rendimento scolastico rispetto a chi non ha avuto a che fare con i videogiochi.

Il campione intervistato è composto da 3.000 bambini con un'età compresa tra i sei e gli undici anni. “Penso che quello che stiamo vedendo qui è l'evoluzione del gaming nella società moderna. I videogiochi ora sono una parte normale nell'infanzia di un bambino” ha dichiarato Katherine Keyes, una delle autrici dello studio “Quello che stiamo vedendo è che i bambini che giocano ai videogames sono socialmente integrati, hanno un buon rendimento a scuola e non vediamo problemi o avvisaglie per disturbi mentali”.
Tags: | Videogames
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 18
  • Rayder
    Rayder
    Livello: 0
    Post: 18
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Mhhh, ancora non vedo nessun TG con musica creepy che critica i videogiochi e poi manda in onda la pubblicità
  • Livioz
    Livioz
    Livello: 1
    Post: 473
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Magari abbasseranno il Pegi per i prossimi Gta
  • Garrett Hawke
    Garrett Hawke
    Livello: 2
    Post: 324
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Pully X

    la tv italiana non sara' contenta
    Oggi il Tg1 esordirà con la notizia "studio vergognoso della Columbia University esorta i genitori a lasciare tutto il giorno i bambini davanti ai videogiochi, in particolare quelli violenti come gta, nel quale ricordiamo è possibile picchiare le prostitute e investire i pedoni!".
  • ExDuelist
    ExDuelist
    Livello: 1
    Post: 5815
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    ah mi ricordo ancora quando giocavo Dead Space in presenza di mia sorellina di ben 3 anni Io: Ohi, non ti fa paura? Lei: (no con la testa).. SKIACCIAGLI LA TESTA!! (riferendosi ad un necromorfo ormai smembrato) bei ricordi
  • RebelGamer89
    RebelGamer89
    Livello: 2
    Post: 589
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Non per fare il bastian contrario ma...onestamente, così a pelo, quelli che non hanno mai giocato TEMO siano i bambini appartenenti alla fascia più povera o con gravi mancanze famigliari. Andrebbero peggio degli altri anche se quest'ultimi non giocassero ai videogiochi. Vorrei però leggere lo studio completo
  • Uchiha Obito
    Uchiha Obito
    Livello: 2
    Post: 331
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    il Tg1 farà causa a questo studio..perchè a detta loro i Videogames sono per asociali con seri problemi comportamentali..
  • Pully X
    Pully X
    Livello: 5
    Post: 4401
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    la tv italiana non sara' contenta
  • InterTriplete
    InterTriplete
    Livello: 2
    Post: 3872
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Per un attimo ho pensato che fosse un problema del browser, che avesse troncato la fine della frase "Uno studio rivela: i videogiochi aiutano i bambini nello sviluppo dell'istinto omicida"... Meno male, ogni tanto qualcuno che ci vuole bene.
  • guz_89
    guz_89
    Livello: 2
    Post: 309
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Sono i videogiochi che mi hanno insegnato bene l'inglese
  • SpardaLDK89
    SpardaLDK89
    Livello: 3
    Post: 156
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da SpardaLDK89

    ma quale cretino spenderebbe dei soldi per comprare un gioco in cui si impersona un vampiro se poi non vuole ammazzare nessuno ? questo mi ricorda molto quel maniaco che ha finito Dark Souls 2 (già frustrante di natura) con i comandi del Guitar Hero...posso capire che quando un utente compra il gioco poi ci fa giustamente quello che gli pare, ma questa è davvero roba da malati...
    chiedo scusa ho sbagliato notizia: http://www.spaziogames.it/notizie_videogiochi/console_multi_piattaforma/232151/in-vampyr-sara-quasi-impossibile-non-uccidere-qualcuno.aspx
  • SpardaLDK89
    SpardaLDK89
    Livello: 3
    Post: 156
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    ma quale cretino spenderebbe dei soldi per comprare un gioco in cui si impersona un vampiro se poi non vuole ammazzare nessuno ? questo mi ricorda molto quel maniaco che ha finito Dark Souls 2 (già frustrante di natura) con i comandi del Guitar Hero...posso capire che quando un utente compra il gioco poi ci fa giustamente quello che gli pare, ma questa è davvero roba da malati...
  • Blade Runner 80
    Blade Runner 80
    Livello: 3
    Post: 5580
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Soprattutto "miglior rendimento scolastico"...Il problema non sono i videogiochi, la giusta quantità di tempo passata davanti alla tv non è un problema, è una attività ludica. Il problema è lo scorretto utilizzo del mezzo, cellulari compresi che sta creando una generazione di persone dissociate dalla realtà. Immagino che queste pseudoricerche sono utili per le multinazionali e per i loro interessi.
  • fabiowin98
    fabiowin98
    Livello: 4
    Post: 269
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Per la rubrica: "La scienza dice.." di Ah ma non è Lercio. Cercate su Facebook.
  • Dandylion
    Dandylion
    Livello: 5
    Post: 4779
    Mi piace 5 Non mi piace -1
    Sempre che non siano quelle c*gate che usano su smartphone
  • dodeino
    dodeino
    Livello: 4
    Post: 177
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    era ora... essendo nato nei primi anni '80 ne ho sentite di tutti i colori...
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.