Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Il compositore di Destiny riflette sul suo licenziamento

Il compositore di Destiny riflette sul suo licenziamento

Destiny

PS3, PS4, X360, XONE

Activision

09 settembre 2014 - 20 settembre 2016 (The Collection)

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 18/03/2016
Marty O'Donnell è noto per i suoi lavori come compositore di Halo e Destiny, e parlando con la testata internazionale IGN ha riflettuto sul suo licenziamento, che lo ha portato a fare causa a Bungie e Activision nel tentativo di far valere le sue motivazioni.



"C'erano delle cose che stavano venendo manipolate, e la mia frustrazione per alcune delle decisioni creative e di business cominciava a significare che io mi trovavo in una parte della barricata, mentre tutti gli altri si trovavano dall'altra. E, per quanto si provasse a metterle in comunicazione, non sembrava fosse possibile riuscirci" ha raccontato il compositore, in merito alla situazione all'interno del team. "Se mi chiedete perché, sappiate che è ancora una domanda anche per me. Non so, il perché. Rimasi sorpreso."

O'Donnell, tuttavia, pensava fosse possibile arrivare ad una soluzione amichevole, piuttosto che ad un licenziamento senza appelli: "speravo davvero che le cose si potessero aggiustare. Ora, probabilmente è possibile che non ci fosse modo di farlo, e che io fossi solo... beh, una spina nel fianco del finire Destiny. Forse, in quel momento non ero un buon leader e non ero d'aiuto, perché eravamo su schieramenti troppo differenti. Non voglio dire che dividerci non fosse la cosa migliore, per noi – visto che probabilmente lo è stata. Credo solo che non sia stata fatta nel modo migliore."

Come commentate le sue dichiarazioni?