Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Niente open world per Vampyr, ecco perché

Niente open world per Vampyr, ecco perché

Vampyr

PC, PS4, XONE

Gioco di ruolo

Novembre 2017

A cura di Samuele “SamWolf” Zaboi del 29/02/2016
Stéphane Beauverger e Grégory Szucs, rispettivamente narrative director e art director di Dontnod Entertainment, hanno condiviso nuovi dettagli su Vampyr, spiegando come il titolo non sarà caratterizzato da un open world. “Quanto più si crea un open world, meno la trama sarà importante per il giocatore” ha spiegato Beauverger “Per esempio, mi piacciono molto giochi come Skyrim ma ci sono così tante cose da fare che la missione principale alla fine è solo una serie di missioni secondarie. La cosa più importante è quello che farete in questo mondo.

Dontnod ama creare forti personaggi e per controllare quello che abbiamo, dobbiamo guidare il giocatore attraverso un processo di scoperta. Quindi non c'è libertà di circolazione e non c'è la libertà di andare dove si vuole nel mondo che abbiamo creato. Alcune parti del gioco saranno sbloccate solo quando lo decideremo noi.
Ricordiamo infine che al seguente indirizzo potete trovare la nostra anteprima di Vampyr.