I giochi open world? Non sono più cosi unici, secondo Todd Howard

Gli open world? Stanno diventando "comuni", in qualche modo non sono più unici come un tempo. A dichiararlo è Todd Howard, director di progetti come Fallout 4 e The Elder Scrolls V: Skyrim, al lavoro per Bethesda Game Studios—compagnia che ha sempre puntato su questo genere di videogiochi.



"Credo che [l'open world] stia cominciando a diventare una cosa comune. Non è più così unica, dato che la vediamo molto spesso. Le persone stanno scoprendo che questo particolare modo di giocare, è ciò che di davvero grandioso c'è nei videogiochi" ha spiegato Howard.

Secondo il director, inoltre, il panorama videoludico ha un potenziale tale da poter avere sulle persone un impatto maggiore di quello che hanno film e libri, dal momento che è in grado di trasportare il giocatore davvero ovunque: "i videogiochi possono trasportarti in un luogo, si dimenticano della geografia. I film, o i libri, non possono farlo nello stesso modo."

Infine, Howard ha anche sottolineato che Ubisoft, noto gigante francese di videogiochi, ha lavorato molto per far crescere a sua volta i giochi open world, con lavori anche molto recenti come Far Cry 4, The Division, The Crew e Watch_Dogs. "Ubisoft fa un grandissimo lavoro, loro realizzano [tanti open world]."

Vi ricordiamo che, qualche giorno fa, Todd Howard aveva anche anticipato che Bethesda è attualmente impegnata su tre diversi progetti a lungo termine, che promettono di essere diversi da qualsiasi cosa vista in precedenza da parte della casa statunitense. Attendiamo quindi di scoprire di cosa potrebbe trattarsi.
Data di uscita: 10 novembre 2015
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 25
  • MrRed91RD
    MrRed91RD
    Livello: 1
    Post: 347
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da RagnoPaffuto

    il gioco mi piace e sono comunque curioso di provarlo una volta uscito , ma sinceramente BASTA BASTA Grande giove non ne posso piu di NY e vicini DX ero contento che da un non usciva qualcosa ambientato li , ci sono MILIONI DI CITTà BELLISSIME come Monza perchè c'è spazio XD , ma tipo Roma ? ,Berlino , Madrid no dovevano farlo per forza in una cavolo di Metropoli senza verde e squillo di lusso , anzi scusate solamente senza verde (( Central Park non vale u.u ))
    Ma a New York c'è tantissimo verde XD Parlo ovviamente di tutti i distretti, perché New York non si ferma a Manhattan XD
  • RagnoPaffuto
    RagnoPaffuto
    Livello: 0
    Post: 66
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da DoubleBarrel

    No, The Division togliamolo pure, nella loro idea di "open world" in TUTTA New York, e parlo del gioco completo, non della beta, ci saranno in tutto un centinaio di porte apribili e per andare nella strada a fianco bisogna fare normalmente dei giri enormi in backtracking, chiamiamolo pure come si merita, ovvero "branched corridor", corridoi (anche poco) ramificati, con sporadiche aree pseudo-free-roaming..
    il gioco mi piace e sono comunque curioso di provarlo una volta uscito , ma sinceramente BASTA BASTA Grande giove non ne posso piu di NY e vicini DX ero contento che da un non usciva qualcosa ambientato li , ci sono MILIONI DI CITTà BELLISSIME come Monza perchè c'è spazio XD , ma tipo Roma ? ,Berlino , Madrid no dovevano farlo per forza in una cavolo di Metropoli senza verde e squillo di lusso , anzi scusate solamente senza verde (( Central Park non vale u.u ))
  • sbraus
    sbraus
    Livello: 4
    Post: 287
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da SandokanMojito_PS

    Scusami eh.. Ma l'open world di The Witcher è proprio quello che m'è piaciuto meno! È tutto fuorché un modo interessante da esplorare
    Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr
  • sbraus
    sbraus
    Livello: 4
    Post: 287
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da bethlehem

    è vero,faranno anche i giochi di calcio open world a breve..
    Basta usare la licenza di Holly e Banji, quel campo era immenso
  • bethlehem
    bethlehem
    Livello: 7
    Post: 3388
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    è vero,faranno anche i giochi di calcio open world a breve..
  • SandokanM...
    SandokanM...
    Livello: 4
    Post: 991
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Gidan_91

    Purtroppo questa è una cosa negativa. Ovviamente c'è chi crea stupendi open world (guardasi The Witcher) ma poi ti ritrovi anche cose come ipotetici open world di Assassin's Creed o il recente Metal Gear Solid V in cui si pubblicizza tanto il loro aspetto open world ma in cui la sostanza manca e si ha davanti una serie ripetitiva di missioni un po' tutte uguali tra loro. Grandi complimenti alla Bethesda, una delle SH da me più apprezzate, in quanto già dai lontani tempi di Morrowind sforna stupendi open world che seppur con i loro consueti bug e problemini vari, riescono a fare quello che un vero open world dovrebbe: creare un mondo in cui immergersi totalmente e in cui non ci si annoia mai.
    Scusami eh.. Ma l'open world di The Witcher è proprio quello che m'è piaciuto meno! È tutto fuorché un modo interessante da esplorare
  • ROTU47
    ROTU47
    Livello: 4
    Post: 733
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Finirà la moda...anche perché pochi open world sono ben fatti...io adoro quelli Rockstar per esempio...e anche quelli di Techland che con Dead Island e Dying Light hanno fatto un ottimo lavoro secondo me...di contro molti open world soffrono di monotonia e noia dovuta al fatto che magari il mondo è semideserto o con eventi ripetuti fino all ossessione ... La libertà serve a poco se non si ha nulla da fare...
  • ShepardJohn
    ShepardJohn
    Livello: 5
    Post: 1496
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    E mi hanno anche un po' rotto sinceramente, da quanto non vedo un bel titolo AAA story driven, longevo e fatto come Dio comanda
  • DoubleBarrel
    DoubleBarrel
    Livello: 3
    Post: 4447
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    No, The Division togliamolo pure, nella loro idea di "open world" in TUTTA New York, e parlo del gioco completo, non della beta, ci saranno in tutto un centinaio di porte apribili e per andare nella strada a fianco bisogna fare normalmente dei giri enormi in backtracking, chiamiamolo pure come si merita, ovvero "branched corridor", corridoi (anche poco) ramificati, con sporadiche aree pseudo-free-roaming..
  • Gidan_91
    Gidan_91
    Livello: 2
    Post: 50
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Purtroppo questa è una cosa negativa. Ovviamente c'è chi crea stupendi open world (guardasi The Witcher) ma poi ti ritrovi anche cose come ipotetici open world di Assassin's Creed o il recente Metal Gear Solid V in cui si pubblicizza tanto il loro aspetto open world ma in cui la sostanza manca e si ha davanti una serie ripetitiva di missioni un po' tutte uguali tra loro. Grandi complimenti alla Bethesda, una delle SH da me più apprezzate, in quanto già dai lontani tempi di Morrowind sforna stupendi open world che seppur con i loro consueti bug e problemini vari, riescono a fare quello che un vero open world dovrebbe: creare un mondo in cui immergersi totalmente e in cui non ci si annoia mai.
  • MrRed91RD
    MrRed91RD
    Livello: 1
    Post: 347
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da tip

    molto bello il confronto con i libri e il cinema
    Io in realtà stavo pensando che fosse fuori luogo. Riguardo la letteratura dipende dal lettore, non tutti riescono ad "assentarsi" leggendo un libro, ma quello che fa il cinema è molto più avanti. Il cinema può ingannare lo spettatore con il montaggio trasformando lo spazio e il tempo, non è da sottovalutare. I videogiochi ci riescono ugualmente, ma dire che hanno un impatto maggiore del cinema è un'assurdità. Ricordo che nella prima proiezione mai fatta rappresentante un treno che arrivava in stazione la gente è fuggita dalla sala
  • lucab0ss
    lucab0ss
    Livello: 3
    Post: 995
    Mi piace 2 Non mi piace -4
    in effetti credo che l'ultimo titolo non openworld a cui ho giocato è stato the last of us che ho acquistato praticamente al lancio e forse è anche il migliore tra questi ultimi titoli
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Sì e si sta anche esagerando con i free roaming... Molti pensano che realizzare un open world sia più dispendioso di un titolo lineare("guardate com'è grande, vastissimo, 800 ore di fetch quest", ma in realtà è il contrario.
  • Ricola
    Ricola
    Livello: 4
    Post: 1404
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da lAst_sMile_094

    Capisco cosa intendi, ma in realtà concordo con lui, pur con qualche "ma". Lui afferma infatti che non possono farlo "allo stesso modo", e questo ritengo sia vero: così come certe emozioni che ti danno i libri non te le da nessun altro mezzo, la stessa cosa vale per l'immersività coi VG. Quando giochi a The Witcher 3 e ti affacci dalla torre di Kaer Morhen, quella è una sensazione che nè libri nè film penso possano darti. Così come le atmosfere di Bloodborne: un bravo scrittore potrebbe benissimo creare qualcosa con lo stesso impatto, ma mai in quella maniera, proprio per le differenze dei mezzi (quale sia meglio poi è una discorso diverso, ed in ogni caso soggettivo).
    Ok, chi scrive un libro può darti emozioni in maniera diversa da chi dirige un film o chi crea un gioco, su questo non ci piove. Sta di fatto ,però, che il film e il gioco (nonostante ,quest'ultimo, permetta più libertà) ti impongono uno stile, una inquadratura (più il primo che il secondo per ovvi limiti tecnici) una costruzione dell'ambiente. Il libro ti permette di recepire una sensazione che lo scrittore vuole trasmetterti ma la scena, l'ambiente, i personaggi e i dettagli che costruiscono il tutto li mette la tua fantasia, la tua capacità di elaborare il testo e visualizzarlo come ritieni sia più giusto; credo non ci possano essere limiti a quello che la fantasia di un lettore può ricostruire da un libro rispetto a quello che si sta giocando o vedendo (che è stato ricostruito da altri sulla base della "loro" fantasia). Per come la vedo io "i videogiochi possono trasportarti in un luogo, si dimenticano della geografia (vero, ma verrò trasportato in un posto o "mondo" ricreato da altri, secondo il loro gusto e la loro sensibilità, un po come i film ma con più varietà). I film, o i libri, non possono farlo nello stesso modo.(Vero se affermi che lo fanno in modo diverso,falso se si afferma che lo fanno in maniera peggiore. Se leggo un libro il posto me lo ricreo come piace a me, e le inquadrature me le immagino come meglio credo)"
  • TheOnlyan...
    TheOnlyan...
    Livello: 5
    Post: 1697
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    E' arrivato capitan ovvio.
caricamento in corso...

 
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.