Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Un'Istituzione francese cura da dipendenze da alcol, droga e... videogiochi

Un'Istituzione francese cura da dipendenze da alcol, droga e... videogiochi

Videogames
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 08/02/2016
Ogni tanto, facendo questo lavoro e avendo questa passione, ci chiediamo se arriverà mai il giorno in cui i videogiochi saranno effettivamente considerati come un mezzo d'intrattenimento e d'espressione, anche e sopratutto per adulti. Il videogioco è un medium, un mezzo utilizzato da autori per fornire esperienze, veicolare messaggi, divertire il pubblico. È un medium come lo è il cinema. Ma, mentre quest'ultimo viene definito "settima arte", in Francia l'Institut National de Prévention et d'éducation Pur la Santé ha deciso di mettere i videogiochi insieme a cocaina, ecstasy, cannabis, alcolici e tabacco.



L'Istituto Nazionale per l'educazione per la prevenzione e la salute ha infatti lanciato una campagna, dedicata sopratutto ai più giovani, nella quale si annuncia che viene fornito supporto medico e psicologico a tutti coloro che soffrono di queste dipendenze.

Ovviamente, esistono casi clinici in cui a tutti gli effetti la fruizione dei videogiochi (così come potrebbe accadere ad altri media) va fuori controllo, e in alcuni episodi ci siamo trovati a parlarne anche qui, sulle nostre pagine. Ciò che però fa riflettere è non solo il porre il videogioco accanto alle dipendenze appena citate, ma anche il video dedicato alla campagna, che rappresenta i videogiocatori secondo tutti gli stereotipi più noti e meno edificanti, come persone astratte dalla realtà ed isolate nella loro individualità, pronte a cercare rifugio nel virtuale.

Potete vedere il video qui sotto.
Come vi sembra questa campagna? Come considerate il fatto che proprio i videogiochi siano stati inclusi insieme a droghe e alcolici?

Fonte: DualShockers