Obama propone un investimento da 4 miliardi per insegnare l'informatica ai bambini

L'industria dei videogiochi ha un fatturato oramai talmente importante, che sarebbe da folli non considerarla una grande risorsa, sia per il proprio Paese che per il futuro professionale dei cittadini, visto l'alto numero di dipendenti che essa coinvolge. Deve averci pensato bene il presidente Barack Obama che, insieme al suo staff, ha proposto di investire $4 miliardi nel progetto "Computer Science for All". Grazie a quest'ultimo, il presidente vorrebbe finanziare insegnanti e nuove lezioni, che possano avvicinare i minori (con un occhio di riguardo, pare, per l'inserimento femminile) al mondo della creazione di software.



Affinché l'iniziativa diventi effettiva, c'è bisogno dell'approvazione del Congresso, quindi per ora si tratta solamente di una proposta.

"Sicuramente i videogiochi sono un punto d'entrata per molti giovani" ha ragionato Tom Calil, deputato della Casa Bianca. "Il motivo per cui molti giovani potrebbero interessarsi all'informatica è perché amano giocarci, ma vorrebbero anche crearli."

Vedremo se, negli Stati Uniti d'America, ci sarà questa nuova spinta per il futuro del settore informatico e dell'industria videoludica.
Tags: | Videogames
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 8
  • assassins...
    assassins...
    Livello: 1
    Post: 2188
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    cosa davvero importante bravo Obama!! Cosa che qui non siamo capaci manco di insegnare educazione sessuale o educazione civica nelle nostre scuole. facciamo pena sotto tutti i punti di vista...mi vergogno altamente...
  • Pir@t
    Pir@t
    Livello: 0
    Post: 6
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    A prescindere dal settore videoludico, il mondo lavorativo e le tecnologie saranno sempre più spostate verso il CS e il IT.Gli informatici di oggi saranno gli operai del domani, quindi a prescindere da ciò che piaccia o meno chiunque dovrebbe imparare a programmare.Siti come code.org e codecademy.com dovrebbero essere portati in tutte le scuole.
  • fabdragonball
    fabdragonball
    Livello: 4
    Post: 1203
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    una cosa cosi in Italia non la vedremo mai secondo me poi darsi che mi sbagli però....... siamo ancora troppo chiusi come mentalità, la maggiorparte degli italiani vede ancora i videogiochi sempre come il pim pum splash ecc
  • bull97
    bull97
    Livello: 5
    Post: 6108
    Mi piace 8 Non mi piace 0
    obama for presid.. ah giusto
  • NewYorkGiants
    NewYorkGiants
    Livello: 4
    Post: 1948
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da PapaFragolino

    Negli USA viene dato molto valore alla scuola ed era solo una questione di tempo, non mi sorprende ma è comunque una bella iniziativa.
    L'unica cosa bella della scuola pubblica americana è che ti fa rivalutare in positivo quella italiana
  • Vinzolo
    Vinzolo
    Livello: 2
    Post: 284
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    GG Obama
  • Tindalos
    Tindalos
    Livello: 5
    Post: 246
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da PapaFragolino

    Negli USA viene dato molto valore alla scuola ed era solo una questione di tempo, non mi sorprende ma è comunque una bella iniziativa.
    Non è proprio così, la scuola pubblica è allo sbando, comunque mi pare un'ottima iniziativa.
  • PapaFragolino
    PapaFragolino
    Livello: 4
    Post: 1561
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Negli USA viene dato molto valore alla scuola ed era solo una questione di tempo, non mi sorprende ma è comunque una bella iniziativa.
caricamento in corso...
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.