Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Song of the Deep, nuovo gioco Insomniac, ispirato dalla mitologia irlandese

Song of the Deep, nuovo gioco Insomniac, ispirato dalla mitologia irlandese

Song of the Deep

PC, PS4, XONE

Action-Adventure

Italiano (testi)

19 luglio 2016

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 28/01/2016
Poche ore fa, vi abbiamo riferito dell'annuncio di Song of the Deep, il nuovo gioco di Insomniac che sarà pubblicato da GameStop. Come oramai avrete appreso, si tratta di un metroidvania subacqueo in cui vestirete i panni di Merryn, che parte nel suo viaggio sui fondali in cerca di suo padre. In un'intervista con GameSpot, i ragazzi del team di sviluppo hanno svelato di aver tratto ispirazione dalla mitologia irlandese per la realizzazione del gioco, spiegandone i dettagli.



"Abbiamo visitato l'Irlanda, qualche anno fa, io e la mia famiglia. Era un luogo meraviglioso e magico. Credo sia il luogo più verde che io abbia mai visto in tutta la mia vita. Ci occupavamo di scoprire le tradizioni del folklore, e continuavano a girare in quella contea, Clare. È lì, che abita Merryn: abita nell'area Northern Cliffs di Clare, tra i picchi e l'acqua" ha raccontato Brian Hastings, chief creative officer e lead writer del gioco.

"Credo semplicemente che ci sia qualcosa di magico nella mitologia gaelica e in quella irlandese, qualcosa che le fa sentire familiari – che si sente anche quando non le conosci ancora bene. Volevamo darne un'interpretazione che fosse contemporaneamente familiare e nuova."

In merito alla scelta di uno stile metroidvania, Ted Price ha confermato di amare Metroid: "ne ho parlato tante volte con la stampa, sono stato pesantemente influenzato da Metroid. Il mio gioco preferito di sempre è Super Metroid. Ratchet & Clank è strapieno di influenze da Metroid, siamo sempre stati molto aperti in merito. Aver avuto la possibilità di tuffarci ancora più a fondo, dentro questo particolare sottogenere, è stato divertente."

Per ulteriori dettagli, trovate al link in calce l'intervista completa. Se invece avete perso la notizia dell'annuncio del gioco, potete vederla – con trailer annesso – cliccando qui.