Il nuovo Hitman sarà un gioco a episodi

Io Interactive e Square Enix hanno deciso di cambiare i loro piani per il nuovo Hitman. Il gioco verrà rilasciato a episodi, il primo arriverà a marzo e includerà una missione prologo e un'ambientazione (Parigi). Il prezzo di vendita sarà di 15 dollari, potremo anche acquistare direttamente tutti gli episodi a 60 dollari. Ad aprile arriverà una nuova location italiana mentre a Maggio giocheremo in Marocco.
Io Interactive ha promesso aggiornamenti relativi ai contenuti ogni mese, attraverso gli update arriveranno anche tre nuove ambientazioni: entro la fine della stagione avremo infatti Stati Uniti, Giappone e Thailandia. Sono previsti eventi settimanali, anche se al momento non sappiamo con precisione cosa abbiano in mente gli sviluppatori.
Il prezzo di ogni ambientazione aggiuntiva sarà di 10 dollari, il gioco arriverà anche in versione retail a fine 2016.
Attraverso questo link potete raggiungere la nostra scheda dedicata a Hitman e avere tutte le informazioni al riguardo.



Square Enix e Io Interactive hanno quindi deciso di puntare su un progetto di distribuzione diverso: prima il lancio del gioco completo era previsto sempre per marzo con ulteriori contenuti aggiuntivi in arrivo successivamente.
Data di uscita: 11 Marzo 2016
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 85
  • Sturlo
    Sturlo
    Livello: 0
    Post: 70
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Che cazzata
  • Rippingjack27
    Rippingjack27
    Livello: 6
    Post: 3274
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da diennea2

    a dire il vero quello di the Order è nato da una scarsissima pianificazione delle risorse, se uno ha in mente una gioco A ma esce fuori un gioco B non è assolutamente colpa nostra. La Square non ha nessun obbligo di creare giochi dai budget spropositati, se lo fa vuol dire che può attingere dai suoi pozzi. Ripeto, loro non sono un azienda sul filo della banca rotta. Se invece dovessero arrancare sulla produzione di tripla A, beh si fa il possibile per spendere i propri soldi sia in maniera efficente sia in maniera efficace. Dove sta scritto che devono spendere per forza 10 milioni di dollari? si possono benissimo creare dei capolavori con budget modesti. La struttura ad episodi non è assolutamente il metodo giusto, credo sia abbastanza palese il fatto che questa trovata vada solo nel loro interesse e non di entrambi (con entrambi intendo anche chi acquista i giochi). Non esistono scuse, non voglio trovarmi con demo denominate "episodio1" a pagamento. Quando acquisto un gioco voglio sapere qualitativamente se merita i miei soldi o no, con questa trovata azzerano l'importanza fondamentale della recensione che spiega grossomodo i pro e i contro del gioco. E poi chi mi dice che riescano a sviluppare il gioco per intero? Poi, se il primo episodio fosse qualitativamente bello, sarà lo stesso con quelli che verranno? E poi parliamoci chiaramente, come si fa a spezzare un gioco simile? l'esperienza così è castrata, e poter giocare solo a 2/3 ore e aspettare un mese per avere il seguito è completamente fuori da ogni logica. Questo medium non va spezzettato come se fosse una serie tv (TellTale in questo caso ci sta, ma per come la narrativa è strutturata, e sottolineo NARRATIVA, non GAMEPLAY)
    guarda che con me sfondi una porta aperta. infatti io aspetto direttamente la versione completa, come faranno tanti altri. personalmente a me il fatto che il gioco esca direttamente finito retail tra un anno senza rilascio episodico o che esca tra un anno retail con in mezzo il rilascio episodico non cambia nulla. se SE, che al momento ha millemila progetti in campo per cui ha già "anticipato" (aka pagato) i costi di produzione, ha bisogno di rientrare in tempi brevi di parte del capitale investito, può farlo. tanto per quanto la gente parli tanto di "principio", il gioco se è bello lo compra, se no no. infine tirando fuori la questione "budget", io giustamente stavo parlando della problematica dei titoli tripla A, non di quelli a budget ridotto, dei quali, tra l'altro sono un gran sostenitore (mentre rimpiango con amarezza la fine dell'era dei giochi arcade... era della quale si ha ogni tanto un ritorno di fiamma proprio con le produzioni budget)
  • diennea2
    diennea2
    Livello: 4
    Post: 2540
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Rippingjack27

    in realtà no. i profitti, in proporzione, sono diminuiti visto che il costo di vendita è abbastanza fermo su uno standard di max 70 € al lancio per il retail, come da precedente generazione di console. Il fatto è che spendere 10 milioni di dollari per un gioco e monetizzare dopo 3 anni non è la stessa cosa che spendere 10 milioni di dollari per un gioco e monetizzarli dopo 5 anni. ripeto, il caso di The Order è emblematico: tutti si aspettavano dovesse venire fuori un popò di gioco, ma i costi di sviluppo erano aumentati eccessivamente e per rientrare nel piano finanziario hanno dovuto farlo uscire così, pesantemente limitato. il problema grosso su cui si dovrebbe discutere è quanto portranno mai essere economicamente sostenibili i titoli tripla A nel prossimo futuro...
    a dire il vero quello di the Order è nato da una scarsissima pianificazione delle risorse, se uno ha in mente una gioco A ma esce fuori un gioco B non è assolutamente colpa nostra. La Square non ha nessun obbligo di creare giochi dai budget spropositati, se lo fa vuol dire che può attingere dai suoi pozzi. Ripeto, loro non sono un azienda sul filo della banca rotta. Se invece dovessero arrancare sulla produzione di tripla A, beh si fa il possibile per spendere i propri soldi sia in maniera efficente sia in maniera efficace. Dove sta scritto che devono spendere per forza 10 milioni di dollari? si possono benissimo creare dei capolavori con budget modesti. La struttura ad episodi non è assolutamente il metodo giusto, credo sia abbastanza palese il fatto che questa trovata vada solo nel loro interesse e non di entrambi (con entrambi intendo anche chi acquista i giochi). Non esistono scuse, non voglio trovarmi con demo denominate "episodio1" a pagamento. Quando acquisto un gioco voglio sapere qualitativamente se merita i miei soldi o no, con questa trovata azzerano l'importanza fondamentale della recensione che spiega grossomodo i pro e i contro del gioco. E poi chi mi dice che riescano a sviluppare il gioco per intero? Poi, se il primo episodio fosse qualitativamente bello, sarà lo stesso con quelli che verranno? E poi parliamoci chiaramente, come si fa a spezzare un gioco simile? l'esperienza così è castrata, e poter giocare solo a 2/3 ore e aspettare un mese per avere il seguito è completamente fuori da ogni logica. Questo medium non va spezzettato come se fosse una serie tv (TellTale in questo caso ci sta, ma per come la narrativa è strutturata, e sottolineo NARRATIVA, non GAMEPLAY)
  • Rippingjack27
    Rippingjack27
    Livello: 6
    Post: 3274
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da diennea2

    ti darei assolutamente ragione se l'azienda in questione fosse sul filo della banca rotta, cosa che non è nella maniera più assoluta. Certamente i costi di produzione sono aumentati, ma i profitti non sono da meno;
    in realtà no. i profitti, in proporzione, sono diminuiti visto che il costo di vendita è abbastanza fermo su uno standard di max 70 € al lancio per il retail, come da precedente generazione di console. Il fatto è che spendere 10 milioni di dollari per un gioco e monetizzare dopo 3 anni non è la stessa cosa che spendere 10 milioni di dollari per un gioco e monetizzarli dopo 5 anni. ripeto, il caso di The Order è emblematico: tutti si aspettavano dovesse venire fuori un popò di gioco, ma i costi di sviluppo erano aumentati eccessivamente e per rientrare nel piano finanziario hanno dovuto farlo uscire così, pesantemente limitato. il problema grosso su cui si dovrebbe discutere è quanto portranno mai essere economicamente sostenibili i titoli tripla A nel prossimo futuro...
  • francy88
    francy88
    Livello: 5
    Post: 2124
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da diennea2

    Vorrei fare una domanda? Se compro il primo episodio, chi mi dice che continueranno a sviluppare il gioco fino alla fine? Se per assurdo avessi comprato il primo episodio di Afro Samurai 2 rimango con una specie di demo (che ho speso oltretutto) e basta visto che hanno smesso di svilupparlo...vi sembra giusto? Uno da sempre per scontato che l'esperienza in toto non venga mutilata, ma secondo me è l'esatto opposto, così facendo si possono permettere (da noi) questa m#rda. E discorsi tipo "eh ma aspetta la versione totale" valgono quanto un indice su per il c#lo, perchè tutti faranno l'opposto aggiungendo schifo alla montagna di m#rda che è il mondo videoludico odierno.
    AAA Early Access...The Future...
  • diennea2
    diennea2
    Livello: 4
    Post: 2540
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Vorrei fare una domanda? Se compro il primo episodio, chi mi dice che continueranno a sviluppare il gioco fino alla fine? Se per assurdo avessi comprato il primo episodio di Afro Samurai 2 rimango con una specie di demo (che ho speso oltretutto) e basta visto che hanno smesso di svilupparlo...vi sembra giusto? Uno da sempre per scontato che l'esperienza in toto non venga mutilata, ma secondo me è l'esatto opposto, così facendo si possono permettere (da noi) questa m#rda. E discorsi tipo "eh ma aspetta la versione totale" valgono quanto un indice su per il c#lo, perchè tutti faranno l'opposto aggiungendo schifo alla montagna di m#rda che è il mondo videoludico odierno.
  • diennea2
    diennea2
    Livello: 4
    Post: 2540
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Rippingjack27

    Semplice: i costi e i tempi di sviluppo di produzione dei videogiochi non sono gli stessi di 10 anni fa. Inoltre la situazione economica non è una delle più rosee, per cui per un produttore comincia a diventare problematico stanziare budget milionari su più progetti, quando la monetizzazione degli stessi si sposta sempre più sul lungo periodo (4-5 anni). l'uscita a episodi serve esclusivamente a rientrare un po' prima nelle spese. personalmente meglio questa via, piuttosto che il mercato si contragga sul low budget e i giochini mobile o diversamente rilasci giochi pesantemente castrati come The Order (che ricordiamo è uscito in fretta e furia perché i costi di sviluppo stavano diventando insostenibili). Personalmente non vedo questo "enorme" scandalo, visto che tutto sommato si sta parlando di un gioco d'azione, che come la quasi totalità del genere, è strutturato in livelli. Ovvio che io, essendo un collezionista, preferisco comprare la mia bella versione fisica completa e aspetto. Poi però c'è anche uno stuolo di "impazienti" che a fronte magari di season pass venduto a un prezzo conveniente può anche andar bene il rilascio episodico digitale. Ad esempio RE-Rev 2 era molto concorrenziale in tal senso coi suoi 25 € di season pass digitale. Idem per giochi telltale o life is strange. Poi chiaramente dipende anche dal genere: è chiaro che un gdr open world in free roaming il rilascio a episodi diventa tutt'altro paio di maniche (Fallout a episodi è oggettivamente impossibile da concepire).
    ti darei assolutamente ragione se l'azienda in questione fosse sul filo della banca rotta, cosa che non è nella maniera più assoluta. Certamente i costi di produzione sono aumentati, ma i profitti non sono da meno; la natura episodica in sè è un'esperienza già castrata, se per ipotesi sto giocando a Hitman io non voglio vedere alcun tipo di tappo che mi blocchi la strada! E trovo improponibile paragonare giochi TellTale con questo, sono 2 mondi completamente diversi, il primo si focalizza sulla trama e la natura episodica ci può anche stare (d'altro canto è come vedere una serie tv), ma il secondo punta sul gameplay e qualsiasi casa di sviluppo non può strozzarmi un'esperienza videoLUDICA. Se il mercato ha preso questa via NOI dovremmo BOCCIARLA. Non so se ci si rende conto, ma questa cosa ad episodi sta sfuggendo di mano facendolo passare per una cosa sensata (che in questo caso NON LO E') e normalissima (che in questo caso NON E').
  • francy88
    francy88
    Livello: 5
    Post: 2124
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Rippingjack27

    Semplice: i costi e i tempi di sviluppo di produzione dei videogiochi non sono gli stessi di 10 anni fa. Inoltre la situazione economica non è una delle più rosee, per cui per un produttore comincia a diventare problematico stanziare budget milionari su più progetti, quando la monetizzazione degli stessi si sposta sempre più sul lungo periodo (4-5 anni). l'uscita a episodi serve esclusivamente a rientrare un po' prima nelle spese. personalmente meglio questa via, piuttosto che il mercato si contragga sul low budget e i giochini mobile o diversamente rilasci giochi pesantemente castrati come The Order (che ricordiamo è uscito in fretta e furia perché i costi di sviluppo stavano diventando insostenibili). Personalmente non vedo questo "enorme" scandalo, visto che tutto sommato si sta parlando di un gioco d'azione, che come la quasi totalità del genere, è strutturato in livelli. Ovvio che io, essendo un collezionista, preferisco comprare la mia bella versione fisica completa e aspetto. Poi però c'è anche uno stuolo di "impazienti" che a fronte magari di season pass venduto a un prezzo conveniente può anche andar bene il rilascio episodico digitale. Ad esempio RE-Rev 2 era molto concorrenziale in tal senso coi suoi 25 € di season pass digitale. Idem per giochi telltale o life is strange. Poi chiaramente dipende anche dal genere: è chiaro che un gdr open world in free roaming il rilascio a episodi diventa tutt'altro paio di maniche (Fallout a episodi è oggettivamente impossibile da concepire).
    Hai fatto un discorso sensato, ma a mio parere l'industria videoludica non è affatto in crisi, anzi... Si trova in una situazione barcollante, ma ancora molto fiorente. Suddividere un gioco come Hitman di durata massima 10-15 ore ad episodi è scandaloso ed inutile.
  • lucab0ss
    lucab0ss
    Livello: 3
    Post: 995
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    CHIARAMENTE il titolo è troppo vasto per un'unica uscita...
  • Stein
    Stein
    Livello: 4
    Post: 664
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    ok, il gioco per quanto mi riguarda è stato rimandato di un ulteriore anno. Quello in cui si degneranno di far uscire una edizione con tutti gli "episodi".
  • Il Gabbro
    Il Gabbro
    Livello: 5
    Post: 26
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da CarloAndrea1997

    prima final fantasy poi hitman... è la moda del 2016 fare giochi tripla A ad episodi?
    Ci manca solo che dichiarino "tutte e tre le A non ci entrano in un unico disco..."
  • Sallent89
    Sallent89
    Livello: 2
    Post: 469
    Mi piace 8 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da brascuz

    Anche questo a episodi. Ma dessero una spiegazione intelligente per queste decisioni.
    Daranno ad episodi pure quella.
  • Rippingjack27
    Rippingjack27
    Livello: 6
    Post: 3274
    Mi piace 0 Non mi piace -6
    Originariamente scritto da francy88

    Eh eh... e secondo te tutta questa pappardella che hai scritto ha un senso di esistere? Ti rendi conto che NON ESISTE che uno debba giocare ad un gioco spezzettato in questa maniera, poco importa se uscirà una edizione con dentro tutto a 60 € (per adesso sono solo parole, nulla vieta loro di gonfiarne il prezzo od altre amenità simili). Per quale ragione mi spezzetti Hitman ad episodi, perchè?!
    Semplice: i costi e i tempi di sviluppo di produzione dei videogiochi non sono gli stessi di 10 anni fa. Inoltre la situazione economica non è una delle più rosee, per cui per un produttore comincia a diventare problematico stanziare budget milionari su più progetti, quando la monetizzazione degli stessi si sposta sempre più sul lungo periodo (4-5 anni). l'uscita a episodi serve esclusivamente a rientrare un po' prima nelle spese. personalmente meglio questa via, piuttosto che il mercato si contragga sul low budget e i giochini mobile o diversamente rilasci giochi pesantemente castrati come The Order (che ricordiamo è uscito in fretta e furia perché i costi di sviluppo stavano diventando insostenibili). Personalmente non vedo questo "enorme" scandalo, visto che tutto sommato si sta parlando di un gioco d'azione, che come la quasi totalità del genere, è strutturato in livelli. Ovvio che io, essendo un collezionista, preferisco comprare la mia bella versione fisica completa e aspetto. Poi però c'è anche uno stuolo di "impazienti" che a fronte magari di season pass venduto a un prezzo conveniente può anche andar bene il rilascio episodico digitale. Ad esempio RE-Rev 2 era molto concorrenziale in tal senso coi suoi 25 € di season pass digitale. Idem per giochi telltale o life is strange. Poi chiaramente dipende anche dal genere: è chiaro che un gdr open world in free roaming il rilascio a episodi diventa tutt'altro paio di maniche (Fallout a episodi è oggettivamente impossibile da concepire).
  • MirkoZ
    MirkoZ
    Livello: 5
    Post: 1286
    Mi piace 5 Non mi piace -1
    Vabbè, leggendo tra le righe... Il gioco non è pronto, e per non perdere la faccia con un ulteriore rinvio, ce lo rifilano ad episodi mano a mano che lo completano... Solo che così la faccia la perdono ancora di più. E' ridicolo.
  • kenflo92
    kenflo92
    Livello: 4
    Post: 570
    Mi piace 5 Non mi piace -1
    ahahaahaha i videogames come beautiful, OTTIMO
caricamento in corso...

 
NEWS SUCCESSIVE
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.