Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Palmer Luckey è sicuro: Virtual Boy ha dato una cattiva fama alla realtà virtuale

Palmer Luckey è sicuro: Virtual Boy ha dato una cattiva fama alla realtà virtuale

Oculus Rift
A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 11/01/2016
Palmer Luckey, co-fondatore della compagnia Oculus e realizzatore del visore VR Oculus Rift, ha concesso a Reddit un suo commento su Virtual Boy, l'approccio alla realtà virtuale che venne tentato da Nintendo nel 1995, salvo poi essere abbandonato pochi mesi dopo a causa della severa risposta del mercato videoludico.



Secondo Luckey, in ogni caso, "non è un vero dispositivo VR. Niente head tracking, basso campo visivo, essenzialmente è una 3DTV monocromatica. Il che è un vero peccato, perché l'associazione del Virtual Boy con la realtà virtuale, nel lungo corso, ha danneggiato l'industria."

Luckey ha però anche commenti positivi sul device: "aveva il primo display LED in un dispositivo per i consumatori – probabilmente con il miglior contrasto disponibile in quell'epoca!"

Condividete il suo punto di vista? Pensate che i risultati di Virtual Boy possano aver generato diffidenza nei confronti della realtà virtuale?
Intanto, poche ore fa lo stesso Luckey si era detto sicuro che Rift sia superiore a PlayStation VR. Il dispositivo finanziato da Facebook arriverà il prossimo 28 marzo, ed i pre-ordini sono ancora aperti. Il prezzo per l'Europa è di 699€, ed i requisiti minimi necessari per giocarci potrebbero non essere alla portata di tutti.