Bambino spende 4.000 sterline in acquisti In-App in soli 5 giorni

Purtroppo non siamo nuovi a notizie del genere ma un bambino di sette anni ha spesso quasi 4.000 sterline in acquisti in-app utilizzando Jurassic World: The Games. Il bambino ha utilizzato il dispositivo del padre dove era stato salvato l'ID Apple con i relativi dati della carta credito. Ignaro di tutto, il bambino in cinque giorni ha speso 3.911 sterline.

Mohamed Shugaa, padre del ragazzo, ha riferito che in 5 giorni sono state effettuate 65 transazioni.
Apple ha offerto un rimborso a Mr. Shugaa che però ha colto l'occasione per lamentarsi di un “servizio assistenza” assente, dal momento che non è stato avvisato di quanto stava accadendo sul suo dispositivo. “Perché non sono stato avvisato? È come se ci fosse un problema tecnico nel sistema perché non c'è al mondo un persona che potrebbe spendere così tanti soldi in un solo giorno” ha dichiarato Mohamed Shugaa al Daily Mail “Mio figlio stava giocando. Non sapeva che stava spendendo soldi. Ha sette anni. Non conosce il valore del denaro.”
Tags: | Videogames
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 4
  • thunderfish
    thunderfish
    Livello: 8
    Post: 748
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Vash360

    Eh si è colpa della Apple, ovviamente, la quale offre uno smartphone, una possibilità di tenere in memoria dei dati senza doverli inserire ogni volta per spendere 5 centesimi, che mette a disposizione un gioco sviluppato da altri e che ha pure offerto di rimborsare questo tizio nonostante la sua ovvia incapacità di controllare un figlio con in mano un dispositivo il cui utilizzo ti fa premere un tasto "dichiaro di essere maggiorenne". Maledette multinazionali, sempre colpa loro se i nostri figli crecono male. /logic.
    Beh, é ovvio che la colpa sia anche loro. É un discorso lungo però non ho voglia di fare la lista delle cose sulle quali Apple gioca sporco da sempre... Poi mi verrebbe il nervoso e quindi, visto che ho già parecchi c@zzI, lascio perdere. Per come la vedo io, riferendomi a questa vicenda, la colpa é chiaramente anche dei genitori, però da una parte li difendo perché non dovrebbe essere legale, secondo me, poter spendere grosse cifre all'interno dei giochi o altre forme di media ludici.
  • Vash360
    Vash360
    Livello: 5
    Post: 451
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da thunderfish

    La apple, che sfrutta tutti i precedenti punti elencati, a vantaggio suo (imho).
    Eh si è colpa della Apple, ovviamente, la quale offre uno smartphone, una possibilità di tenere in memoria dei dati senza doverli inserire ogni volta per spendere 5 centesimi, che mette a disposizione un gioco sviluppato da altri e che ha pure offerto di rimborsare questo tizio nonostante la sua ovvia incapacità di controllare un figlio con in mano un dispositivo il cui utilizzo ti fa premere un tasto "dichiaro di essere maggiorenne". Maledette multinazionali, sempre colpa loro se i nostri figli crecono male. /logic.
  • koinzell
    koinzell
    Livello: 4
    Post: 15708
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Dico solo una cosa: ma ben ti stà. Lavoro nelle Telecomunicazioni e di queste cose ne sento ogni giorno (ovviamente le cifre sono di molto inferiori). Ma cosa volete ? Tutte le multinazionali o le compagnie telefoniche per privacy non sono autorizzati a sapere come uno spende i propri soldi. Se vado in vacanza per un mese e mi dimentico la luce accesa non è compito di ENEL chiamare il cliente e chiedergli come mai ci sono dei consumi "anomali". Questa è la prova che i genitori di oggi sono degli incapaci, danno ai loro figli dispositivi che solo un adulto dovrebbe utilizzare e tral'altro con memorizzati dati sensibili come il numero della propria cdc. Adesso: pagare e cash tonate.
  • mclaren74
    mclaren74
    Livello: 2
    Post: 113
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    a 7 anni gioca con i lego
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.