Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Licenziamenti nel servizio clienti di Elder Scrolls Online, Zenimax fa chiarezza

Licenziamenti nel servizio clienti di Elder Scrolls Online, Zenimax fa chiarezza

The Elder Scrolls Online

PC, PS4, XONE

Gioco di ruolo

inglese

Warner

4 Aprile 2014 PC/MAc - 9 giugno 2015 PS4/XONE

A cura di Stefania “Tahva” Sperandio del 18/12/2015
Qualche ora fa, era arrivata dall'Irlanda la notizia che ZeniMax avrebbe ordinato la chiusura del centro di assistenza europeo per il suo The Elder Scrolls Online, e il Connacht Tribune aveva riferito che a perdere il posto di lavoro sarebbero stati oltre 300 dipendenti. La notizia è arrivata fino alla casa proprietaria di Bethesda, che ha voluto diffondere una nota ufficiale per fare chiarezza sulla vicenda.



Rivolgendosi a GameInformer, l'azienda ha spiegato che i dipendenti licenziati sono molto meno, ossia circa 50, e che il provvedimento si è verificato già diversi mesi fa: "in seguito al successo del lancio di The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited, a giugno, abbiamo una community fiorente, sia su PC che su console. Abbiamo deciso di sistemare, a metà agosto, la nostra assistenza clienti, riducendo di circa 50 persone, in conseguenza alla stabilità del gioco e alle necessità dei nostri giocatori. È una pratica del tutto normale. Abbiamo lavorato diligentemente con l'IDA, e i dipendenti che sono stati colpiti dal provvedimento, fin da questa estate. Siamo molto delusi dalla non accuratezza della notizia della Connacht Tribune."

Vi ricordiamo che The Elder Scrolls Online è disponibile su PC, Mac OS X, PlayStation 4 e Xbox One. Per tutti i dettagli, vi rimandiamo ai nostri approfondimenti.