Fallout 4: La creazione di Codsworth

L'attore Stephen Russell ha recentemente parlato della sua performance nei panni di Mister Handy, ruolo che riprende in Fallout 4. Il doppiatore dona la propria voce anche a un Mister Handy molto speciale: Codsworth, il fedele robot di casa del protagonista che svolge le sue mansioni sia prima sia dopo il disastro nucleare.

"Non lo considero un pezzo di metallo o un robot e credo che anche lui la penserebbe così. Il modo migliore di renderlo è stato trattarlo come un comune essere umano, dotato di emozioni quali gioia, frustrazione, piacere, dolore, affetto, rabbia, allegria e stanchezza. Ha un cuore grande così.
Il capo progettista Emil Pagliarulo ha fatto un gran lavoro di caratterizzazione, ha un orecchio incredibile per i dialoghi. Sa come suonano le persone quando parlano e un dialogo ben scritto praticamente parla da sé. Se ti viene assegnata una serie di battute che scorre alla perfezione, e che è già divertente di suo, hai già la rampa di lancio per la tua creatività.
Rispetto a Fallout 3 ci sono più emozioni in gioco. Percepisci una sua personale visione del mondo e un codice etico che probabilmente ha sviluppato oltre la sua programmazione di base. È un personaggio molto intenso. La scena in cui il Viandante solitario incontra Codsworth poco dopo l'uscita dal Vault 111 è stata molto commovente, è in momenti come questo che il cuore di Codsworth entra in scena. C'è grande orgoglio in questo personaggio, nel senso buono della parola. Prende il suo lavoro molto seriamente e la sua devozione nei confronti della famiglia è inattaccabile. Certo, a volte sa essere irritabile e irritante allo stesso tempo!"


Anche il il grafico senior per i personaggi Dennis Mejillones ha detto la sua su questo personaggio:

"La verità è che il design di Mister Handy esprime molto carattere. Deve sembrare un elettrodomestico, qualcosa che vuoi comprare per casa tua... La parte che copre l'occhio è stata progettata ispirandoci a uno scooter degli anni '50. Gli occhi sono grandi per apparire carini e amichevoli, più gli occhi sono piccoli più fanno paura, soprattutto se applicati a una macchina. Occhi da predatore...
Quando l'iride si contrae e si espande per metterti a fuoco, il robot acquisisce molto carattere. Attraverso le lenti può assumere una discreta gamma di espressioni, e funziona: è tutto negli occhi, lo rendono vivo.
Anche il corpo è particolare: è praticamente una palla. Da bambini si gioca con la palla, piace a tutti!
In generale, in fase di progettazione un robot viene costruito dell'esterno verso l'interno. Nel caso di Mister Handy, la presenza della corazza esterna, lucida, precisa e dalle curve morbide, gli conferisce un certo aspetto. Ma una volta tolta quest'armatura, il suo impatto è radicalmente diverso. La silhouette cambia da una sfera a una serie di spigoli con fili e i circuiti a suggerire che Mister Handy è una macchina dura e spietata. Del resto quasi non importava il modo in cui veniva progettato, poiché Stephen Russell ha dato molto carattere al personaggio. Avrebbe potuto essere una scatolina di metallo parlante e probabilmente lo avresti portato con te per ascoltarlo tutto il giorno.
Nel momento in cui posso sceglierlo come compagno, lo prendo sempre. Perché quando sarò in difficoltà e lui arriverà a difendermi con il suo lanciafiamme e la sua sega circolare, penserò: hai salvato il tuo papà. A volte critica le mie azioni. Non siamo d'accordo su tutto. Ma mi va bene anche così". "




Per avere tutti i dettagli sul titolo vi invitiamo a leggere la nostra recensione.
Data di uscita: 10 novembre 2015
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 0
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.