Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Crystal Dynamics spiega la scelta del nome Rise of the Tomb Raider

Crystal Dynamics spiega la scelta del nome Rise of the Tomb Raider

Rise of the Tomb Raider

PC, PS4, X360, XONE

Action-Adventure

13 novembre 2015 - 29 gennaio 2016 (PC) - 11 ottobre 2016 (PS4)

A cura di Samuele “SamWolf” Zaboi del 05/11/2015
Rich Briggs, franchise director presso Crystal Dynamics, ha spiegato perché sia stato scelto il nome Rise of the Tomb Raider per l'ultimo titolo dedicato a Lara Croft, spiegando come siano stati vagliati anche Tomb Raider 2 e Tomb Raider: Ascension. “Per qualche tempo abbiamo pensato ad Ascension, è stato un nome in codice anche per il primo gioco” ha spiegato Briggs, che ha precisato come questo titolo avesse lo scopo di trasmettere il viaggio di Lara da una donna curiosa fino all'avventuriera che i giocatori hanno avuto modo di conoscere quasi 20 anni fa. Prima del cambio di direzione, il team aveva previsto come ambientazione un'isola misteriosa con nemici giganti.

Dopo una serie di dibattiti, la scelta è caduta infine su Rise of the Tomb Raider. Per Noah Hughes, direttore creativo del gioco, “Rise” è un termine emblematico per il movimento di Lara tra il primo gioco e l'eventuale apice delle sue capacità. Hughes ha sottolineato come la giovane archeologa dovrà “affrontare ancora un sacco di esperienze e avrà ancora un sacco di lezioni da imparare. Questo promette un capovolgimento significativo nelle vita di Lara.”
Ricordiamo che Rise of the Tomb Raider sarà disponibile dl 13 novembre per Xbox 360 e Xbox One mentre su PC e PS4 arriverà rispettivamente all'inizio e alla fine del prossimo anno.